Piazza Affari in rosso: focus resta su variante Omicron. FTSE MIB -1,7%

di , pubblicato il

Piazza Affari in rosso: focus resta su variante Omicron. FTSE MIB -1,7%.

Il FTSE MIB segna -1,7%, il FTSE Italia All-Share -1,7%, il FTSE Italia Mid Cap -1,3%, il FTSE Italia STAR -1,0%.

BTP in miglioramento e spread stabile. Il rendimento del decennale segna 0,97% (chiusura precedente a 1,00%), lo spread sul Bund 130 bp (da 130) (dati MTS).

Euro in progresso, sale sui massimi dal 19 novembre contro dollaro. EUR/USD al momento quota 1,1345 circa.

Mercati azionari europei negativi: EURO STOXX 50 -1,6%, FTSE 100 -1,3%, DAX -1,4%, CAC 40 -1,6%, IBEX 35 -1,7%.

Future sugli indici azionari americani in flessione: S&P 500 -1,2%; NASDAQ 100 -0,5%; Dow Jones Industrial -0,5%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +1,32%; NASDAQ Composite +1,88%; Dow Jones Industrial +0,68%.

Mercato azionario giapponese negativo, il Nikkei 225 ha terminato a -1,63%. Borse cinesi in rosso: l’indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,40%, l’Hang Seng di Hong Kong a -1,58%.

Sale in controtendenza Diasorin +2,1% che, come di consueto, approfitta delle notizie negative sul fronte pandemia. Il gruppo è attivo nel settore dei test molecolari e scenari in cui nuovi ceppi del coronavirus fossero capaci di aggirare i vaccini potrebbero rendere strutturale la necessità di ricorrere a quantità massicce di tamponi. Stéphane Bancel, chief executive di Moderna, ha dichiarato al Financial Times che gli attuali vaccini non hanno la stessa efficacia sulla variante Omicron rispetto alla Delta.

Diametralmente opposta la reazione dei titoli del lusso: i conti dei gruppi del settore sono fortemente condizionati agli spostamenti internazionali, pertanto l’ipotesi di ripresa dei contagi e delle conseguenti restrizioni ai viaggi li penalizza. Moncler -1,0%, Salvatore Ferragamo -2,7%, Brunello Cucinelli -1,4%, Tod’s -1,1%.

Stellantis -3,0% perde terreno. Autonews riferisce che il gruppo sta procedendo con la riorganizzazione modello di distribuzione in Europa: l’obiettivo è avere maggiore controllo dei concessionari e pagare loro circa metà delle commissioni previste attualmente. Secondo Websim l’operazione porterà benefici non prima del medio termine, mentre nel breve potrebbe creare qualche problema a livello commerciale-produttivo e di bilancio causa maggior necessità di capitale investito.

Petroliferi in rosso: il greggio scivola sui minimi da inizio settembre. Il future febbraio 2022 sul Brent segna 71,65 $/barile, il future gennaio sul WTI segna 68,40 $/barile. Eni -2,3%, Tenaris -2,2%, Saipem -1,8%.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: alle 09:55 variazione n° disoccupati Germania, alle 10:00 PIL finale trim3 Italia, alle 11:00 inflazione preliminare eurozona e Italia.
Negli USA alle 15:00 indice S&P-Case/Shiller (prezzi abitazioni) e indice FHFA (prezzi abitazioni), alle 15:45 indice PMI Chicago (manifatturiero), alle 16:00 indice fiducia consumatori (Conference Board) e audizione Powell (Fed) al Senato, alle 22:30 scorte petrolio settimanali (API).

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , , , , ,