Piazza Affari in rialzo. FTSE MIB +0,63%

di , pubblicato il

Avvio di ottava positivo a Piazza Affari dove i principali indici azionari sono apparsi in progresso ad eccezione del Ftse Italia Mid Cap (-0,49%). FTSE MIB +0,63%, FTSE Italia All-Share +0,56%, FTSE Italia STAR +0,95%.BTP e spread in lieve miglioramento. Il rendimento del decennale segna 0,67% (chiusura precedente a 0,71%), lo spread sul Bund 120 bp (da 123) (dati MTS).
Due ore dopo l’apertura di Wall Street i principali indici americani sono in progresso: S&P 500 +1,49%, NASDAQ 100 +2,66%, Dow Jones Industrial +0,94%.
A Milano forte rialzo per Interpump +7,11%: il titolo supera di gran carriera il record del 2019 a 33,62 euro e fa segnare il nuovo massimo storico a 35,24 euro.
Nexi +1,45%. Nel primo semestre 2020 i pagamenti elettronici hanno subito un calo del 6,3%, ma si tratta di un numero positivo. I consumi registrati da Confcommercio hanno fatto registrare ribassi ben più consistenti: -10,4% nel primo trimestre e -29,7% nel secondo. Nel pessimo contesto del primo semestre i pagamenti elettronici (ovvero il business di Nexi-SIA) hanno quindi evidenziato un’ottima performance.
Sale Italgas +1,85% a 5,23 euro: Barclays conferma la raccomandazione equalweight e il target a 5,30 euro. Gli analisti hanno migliorato del 2% medio le stime di utile per azione 2020-2021.Positiva Campari +1,87% a 9,54 euro: venerdì scorso Morgan Stanley ha incrementato il target da 6,20 a 8,50 euro e migliorato la raccomandazione da underweight a equal weight.
Buzzi Unicem +0,53% e Buzzi Unicem risparmio +18,7% positive ma sotto i massimi visti in avvio. Il cda ha deciso la conversione obbligatoria delle risparmio in ordinarie sulla base di un rapporto di conversione pari a 0,67 ordinarie per ciascuna risparmio e, in subordine, la distribuzione di un dividendo straordinario di 0,75 euro (3% circa del prezzo dell’ordinaria e 5,0% circa della risparmio) per ciascuna azione ordinaria esistente e di nuova emissione risultante a seguito della conversione, pari ad un esborso massimo complessivo di 144,1 milioni di euro.


BPER Banca -2,54% in rosso. Oggi inizia la seconda settimana dell’aumento di capitale da 800 milioni di euro finalizzato a finanziare l’acquisizione degli sportelli UBI-Intesa. La negoziazione dei diritti terminerà lunedì prossimo, ultimo giorno per esercitarli (e conclusione dell’operazione) venerdì 23 ottobre.
Prosegue il ribasso di Banca Mps (-4,37%) ormai distante dai massimi di luglio a 1,9830 euro. Appare sempre più difficile l’uscita del Mef dall’Istituto senese, tanto che si fanno concrete le possibilità di una proroga rispetto alla data fissata per la fine del 2021.
Forte calo per Saras (-5,14%) che ha “firmato con le Organizzazioni Sindacali Territoriali e i componenti della RSU, CIGL, CISL, UIL e UGL, l’accordo per l’avvio della Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria parziale per far fronte alle conseguenze generate dal perdurare dell’emergenza pandemica in corso, che avrà effetto a partire dal 26 di ottobre prossimo, per un periodo ad oggi stimato fino al 30 giugno 2021. La decisione si è resa necessaria a fronte del perdurante impatto negativo che l’attuale situazione epidemiologica generata dal Covid-19 ha determinato nel mercato globale e, nello specifico, nel mercato di riferimento del Gruppo, per il quale una ripresa più consistente è attesa nel 2021”.
In ribasso Juventus FC -3,13% a 0,7738 euro: Intesa Sanpaolo ha peggiorato la raccomandazione da buy a add e riduce il target da 1,37 a 0,95 euro.

(AC – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , , , , , ,