'Piazza Affari annulla il guadagno. FTSE MIB -0,02% - Finanza e Borsa - Investireoggi.it

Piazza Affari annulla il guadagno. FTSE MIB -0,02%

di , pubblicato il

Piazza Affari ha chiuso la prima seduta della settimana praticamente invariata dopo essere stata per tutto il giorno sopra la parità. Il FTSE MIB segna -0,02%, il FTSE Italia All-Share -0,04%, il FTSE Italia Mid Cap +0,52%, il FTSE Italia STAR +0,08%.
BTP stabili, spread in rialzo. Il rendimento del decennale segna 0,58% (chiusura precedente a 0,60%), lo spread sul Bund 116 bp (da 112) (dati MTS).
Circa due ore dopo l’apertura di Wall Street i principali indici americani sono contrastati: S&P 500 +0,05%, NASDAQ 100 -0,49%, Dow Jones Industrial +0,47%.
Il vaccino anti Covid-19 sviluppato dall’Università di Oxford insieme ad AstraZeneca (-3,8%) e Irbm, secondo i dati preliminari dello studio di Fase 3, ha mostrato una efficacia con un regime di somministrazione ottimale (quello che sarà considerato per la commercializzazione e che prevede l’inoculazione di mezza dose ed un richiamo con una dose completa dopo un mese) pari al 90%. Entro la fine dell’anno saranno disponibili circa 200 milioni di dosi.
Fari puntati sui bancari dopo l’OPA lanciata da Crédit Agricole Italia su Credito Valtellinese (+23,7% a 10,6160 euro), prezzo che incorpora un premio del 53,9% rispetto al prezzo medio ponderato degli ultimi 6 mesi e del 21,4% rispetto al prezzo ufficiale di venerdì. L’operazione porterà alla creazione del sesto gruppo bancario in Italia.
Forte rialzo per UniCredit +3,39% grazie alle indiscrezioni secondo cui per facilitare le aggregazioni nel sistema bancario italiano potrebbe essere varata una norma ad hoc per la trasformazione in crediti d’imposta delle DTA (Deferred Tax Assets, attività fiscali differite): si stima un ammontare complessivo pari a 5 miliardi di euro a livello di sistema. Secondo rumor circolati due settimane fa relativi alle possibilità di fusione con Banca MPS +1,3%, le DTA dell’istituto senese sono pari a 3,7 miliardi.

Bloomberg ribadisce le recenti indiscrezioni riguardo un’intensificazione dei contatti tra Tesoro e UniCredit per incentivare l’operazione: oltre all’iniziativa sulle DTA il MEF potrebbe mettere sul piatto un aumento di capitale da 2,5 miliardi e lo spin-off di 10 miliardi di rischi legali in capo a MPS.
Sale anche BPER Banca +2,12%: Mediobanca migliora il giudizio sul titolo da neutral a outperform con target a 2,05 euro. Dopo il lancio dell’OPA su Credito Valtellinese è definitivamente sfumata l’ipotesi di aggregazione con la controllata italiana del colosso francese. Resta ora sul tavolo solo l’opzione Banco BPM.
Leonardo +2,9% accelera e tocca i massimi da inizio settembre. Oggi il Sole 24 Ore riferisce di un’ipotesi di collaborazione con Lockheed Martin-Sikorsky per la realizzazione di un nuovo elicottero di taglia media per utilizzo sia civile che militare. L’iniziativa sembra partita dal Ministero della Difesa italiano. Leonardo estende il rally partito grazie all’ipotesi di IPO di DRS a Wall Street: secondo indiscrezioni il gruppo italiano ha incaricato Goldman Sachs per analizzare le opzioni possibili.
In rialzo Telecom Italia +1,75% e Tiscali +3,53%. I due gruppi hanno sottoscritto i contratti esecutivi dell’intesa raggiunta lo scorso 27 agosto, relativa all’accordo di coinvestimento per la realizzazione di una partnership strategica avente ad oggetto lo sviluppo del mercato ultra-broadband in Italia attraverso la partecipazione commerciale di Tiscali al progetto FiberCop.
Terna -3,89% a 6,2720 euro negativa e in controtendenza con il mercato. La flessione del titolo è determinata dallo stacco dell’acconto del dividendo a valere sugli utili 2020. La cedola ammonta a 0,0909 euro per azione, pari all’1,4% del prezzo attuale del titolo.

(AC – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , , , ,