Pericoloso segnale ribassista sul grafico dell’S&P 500

di , pubblicato il

L’S&P 500 scende sotto supporti di rilievo registrando martedì un calo del 2,78% a 3331,84 punti. L’indice americano è crollato sotto il peso delle vendite travolgendo la ex resistenza a 3393 punti, massimi di febbraio, ed è precipitato fino a testare a 3330 circa la media mobile esponenziale a 50 sedute. Le prospettive per l’indice si stanno dunque deteriorando rapidamente e se anche questo elemento dovesse saltare si aprirebbero spazi per ulteriori approfondimenti verso 3280 circa e più in basso fino ad area 3200/3230, riferimento critico nel medio termine. L’eventuale violazione di quest’ultima area ridurrebbe al lumicino le probabilità di rivedere l’indice benchmark sui record di inizo mese a 3588 punti, anticipando cali più pronunciati.

(CC )

Argomenti: Nessuno