Per la Fed tassi i potrebbero essere a zero anche nel 2023

di , pubblicato il

Come previsto la Federal Reserve (Fed) mercoledì ha lasciato invariati i tassi d’interesse Usa allo zero (in un range compreso tra lo 0% e lo 0,25%), dopo averli ridotti a sorpresa di 100 punti base in un meeting d’emergenza del Federal Open Market Committee (Fomc, la commissione della Fed che si occupa di politiche monetarie) il 15 marzo scorso e prima ancora di 50 punti base il 3 marzo. Come già anticipato in precedenza l’istituto centrale di Washington non prevede di alzare il costo del denaro fino a tutto il 2022 anche se la maggioranza dei membri del board ha spinto tale data fino alla fine del 2023. La Fed ha anche ufficializzato quanto dichiarato dal chairman Jerome Powell, al meeting annuale di Jackson Hole, cioè l’introduzione di nuovi obiettivi sull’inflazione che passeranno a un tasso medio del 2% per un periodo di tempo indeterminato invece del 2% fisso che avrebbe automaticamente portato all’aumento dei tassi d’interesse. Dal punto di vista dell’outlook, la Fed ha abbassato dal 6,5% al 3,7% il declino del Pil Usa stimato per il 2020, anche se ha peggiorato dal 5,0% al 4,0% e dal 3,5% al 3,0% la prevista espansione economica per 2021 e 2022. Il Pil dovrebbe poi crescere del 2,5% nel 2023.

(RR – www.ftaonline.com)

Argomenti: Nessuno