Momento cruciale per il Ftse Mib

di , pubblicato il

Avvio di settimana al rialzo per il Ftse Mib, l’indice supera i 19700 punti (massimo intraday a 19765), in crescita dalla chiusura di venerdì a 19595 punti. A 19840 si collocano due importanti resistenze, il 50% di ritracciamento del ribasso dal top di luglio a la trend line rialzista che unisce i minimi del 15 giugno e del 3 agosto, base del testa spalle ribassista disegnato dal top di giugno e comlpetato il 21 settembre, una linea che viene identificata con il nome di “neckline”. Quella del 50% di ritracciamento è una percentuale importante: il recupero della metà di un movimento precedente si configura di norma come una fase di correzione fisiologica, un rimbalzo che non danneggia la struttura del trend in atto (in questo caso il ribasso dal massimo del 21 luglio). Con la rottura del 50% di ritracciamento aumentano invece le possibilità che la reazione si dimostri qualche cosa di più di un semplice rimbalzo, può diventare anche un tentativo di inversione. Ulteriori gradini da superare per proseguire sulla strada della costruzione di una tendenza autonoma sono quelli del 61,8% e del 78,6% di ritracciamento, entrambe percentuali di Fibonacci, qui posti a 20150 e a 20600 punti circa. La rottura di area 19850 permetterebbe quindi di puntare almeno al test del gradino successivo dei ritracciamenti, posto come detto a 20150 punti. Anche il ritorno al di sopra della “neckline” sarebbe significativo, spesso infatti quando i prezzi tornano al di sopra della linea di conferma di una figura questa perde di importanza. Attenzione tuttavia che il ritorno fino a testare la “neckline” di un testa spalle dopo il completamento del pattern è un comportamento abbastanza frequente, quindi per il momento il rimbalzo in atto dai minimi del 25 settembre non ha fatto nulla di anomalo che faccia perdere forza alle implicazioni ribassista derivanti dalla presenza del testa spalle, che ha un target a 17200 punti circa.

Senza la rottura di area 19850 il rischio di nuovi cali, anche ampi, non si può escludere, un rischio che prenderebbe corpo sotto area 19470, media mobile esponenziale a 50 giorni. Supporto successivo a 19000 circa prima del ritorno sui minimi di settembre a 18546 punti.

(AM – www.ftaonline.com)

Argomenti: Nessuno