Leone Film Group, perdita da € 3,5 milioni nel semestre e revisione del piano

di , pubblicato il

Il Consiglio di Amministrazione di Leone Film Group (“LFG”), presieduto da Andrea Leone, ha esaminato ed approvato la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2020, nonché l’aggiornamento del piano industriale 2020-2021.

– Ricavi: Euro 16,0 milioni (Euro 22,0 milioni al 30 giugno 2019; -27%)

– EBITDA: Euro 4,4 milioni (Euro 11,0 milioni al 30 giugno 2019; -64%)

– EBIT: Euro -2,6 milioni (Euro 3,2 milioni al 30 giugno 2019)

Utile Netto: Euro -3,5 milioni (Euro 1,9 milioni al 30 giugno 2019

– Indebitamento Finanziario Netto: Euro 63,0 milioni (Euro 65,3 milioni al 31 dicembre 2019)

– Patrimonio Netto: Euro 39,7 milioni (Euro 43,2 milioni al 31 dicembre 2019)

Andrea Leone, Presidente di Leone Film Group S.p.A., ha così commentato: “Chiudiamo un semestre molto difficile a causa dell’emergenza Covid. Questa ha avuto un impatto diretto sia sull’attività del settore Produzione che sull’attività del settore Distribuzione. Nel secondo semestre si vedono tuttavia segnali di ripresa con il riavvio delle produzioni sospese e le nuove uscite al cinema. Queste ultime risentono ancora della scarsa affluenza del pubblico in sala, tuttavia ci sono anche segnali incoraggianti come il buon risultato ottenuto dal nostro film After 2 che ha quasi raggiunto il successo del precedente After”.

Piano Industriale 2020 – 2021
Il Consiglio di Amministrazione ha approvato l’aggiornamento del piano industriale 2020-2021 (il “Piano Industriale”) che conferma e aggiorna la strategia di crescita in precedenza comunicata. Si precisa che i dati prospettici sono previsioni stabilite nell’ambito della programmazione aziendale. Il quadro macroeconomico ipotizzato prevede un tasso di cambio pari a $/€ 1,1, nonché un tasso di inflazione pari al 1%. Complessivamente la società prevede di distribuire 21 film e di produrne 7 nell’arco del piano biennale, nel primo semestre sono stati distribuiti due film, “1917” e “Gli Anni Più Belli”.

Come sopra accennato Gruppo ipotizza una situazione della pandemia da Covid 19 sostanzialmente stabile nel 2020 e in normalizzazione nel 2021.

Questo si riflette in ipotesi di incassi basse nel 2020 e migliori nel 2021. Si ipotizza altresì che non ci siano impatti sulle produzioni. Qualora invece la pandemia dovesse protrarsi in forma importante anche nel 2021 e qualora le produzioni dovessero essere severamente impattate dal Covid, questo peggiorerebbe il risultato del Gruppo.

Nel segmento della distribuzione, si stima di distribuire 6 film nel 2020 e 15 film nel 2021, che verranno commercializzati nei canali Theatrical, Free-Tv, Pay-Tv, Home Video e Digital.

I principali indicatori finanziari del segmento della distribuzione sono i seguenti:

€ milioni2020E2021E
Ricavi22,430,1
EBITDA14,720,4
EBIT-0,13,2

Rispetto alle previsioni del piano comunicato il 30 Settembre 2019 l’attività di distribuzione si prevede che generi ricavi ed Ebitda minori nel 2020 e 2021, ed Ebit minore nel 2020 e leggermente maggiore nel 2021. Tali differenze sono essenzialmente dovute all’impatto Covid che ha ridotto sostanzialmente il numero di uscite theatrical previsto ed ha comportato, per alcuni titoli, la mancata uscita nelle sale cinematografiche con la conseguente vendita diretta sugli altri canali cosa che ha avuto un impatto diretto su ricavi e margini.

Nel segmento della produzione la controllata Lotus Production S.r.l. nell’arco di piano si prevede che produrrà 7 opere (1 produzione propria in uscita nel 2020 e 6 produzioni proprie nel 2021).

I principali indicatori finanziari del segmento della produzione sono i seguenti:

€ milioni 2020E 2021E
Ricavi39,670,1
EBITDA12,930,0
EBIT1,33,4

Rispetto al precedente piano, l’area produzione si prevede che generi ricavi, Ebitda ed Ebit minori nel 2020, e ricavi ed Ebitda maggiori nel 2021 ed Ebit minore nel 2021. Tali differenze sono essenzialmente dovute all’impatto Covid che ha ridotto sostanzialmente il numero di produzioni cinematografiche realizzate nel 2020, alcune delle quali sono state spostate nel 2021, con conseguente aumento dei ricavi, ma diminuzione dei margini stante i maggiori costi per il Covid e i minori ricavi per minori vendite di biglietti e minori introiti dai broadcasters.

A livello consolidato, i principali indicatori finanziari del Piano Industriale sono quindi i seguenti:

€ milioni 2020E 2021E
Ricavi62,0100,2
EBITDA27,650,4
EBIT1,26,5

Nel periodo di piano il Gruppo stima di sostenere Euro 88,1 milioni di investimenti che comporta una Posizione Finanziaria Netta al 31 dicembre 2021 pari a € 72,9 milioni.

Di seguito una tabella comparativa dell’attuale piano industriale col precedente piano industriale:

previous business plan current business plan
(€/m) 2020E 2021E 2020E 2021E
Revenues 91,1 105,9 62,0 100,2
Distribution37,744,122,430,1
Production53,461,839,670,1
Ebitda 42,6 47,9 27,6 50,4
Distribution20,926,414,720,4
Production21,621,412,930,0
Ebit 9,1 10,8 1,2 6,5
Distribution3,13,0-0,13,2
Production6,07,81,33,4

previous business plan current business plan (€/m) 2020E 2021E 2020E 2021E Revenues 91,1 105,9 62,0 100,2 Distribution 37,7 44,1 22,4 30,1 Production 53,4 61,8 39,6 70,1 Ebitda 42,6 47,9 27,6 50,4 Distribution 20,9 26,4 14,7 20,4 Production 21,6 21,4 12,9 30,0 Ebit 9,1 10,8 1,2 6,5 Distribution 3,1 3,0 -0,1 3,2 Production 6,0 7,8 1,3 3,4

(GD – www.ftaonline.com)

Argomenti: