La Doria: risultati 9m in netto progresso

di , pubblicato il

COMUNICATO STAMPA LA DORIA – Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio di gestione al 30.09.2020.

Angri (SA), 12 Novembre 2020 – Il Consiglio di Amministrazione di La Doria S.p.A., Azienda leader nella produzione di conserve di pomodoro, sughi pronti, legumi, e succhi di frutta a marchio della Grande Distribuzione, ha approvato oggi ad Angri, quale rendicontazione finanziaria aggiuntiva su base volontaria, il Resoconto intermedio di gestione al 30.09.2020.

In sintesi:
> Ricavi progressivi consolidati al 30.09.2020 in aumento del 18.9% a 633.4 milioni di Euro (532.9 milioni al 30.09.2019). Fatturato consolidato del terzo trimestre a 191.6 milioni di Euro, +9.9% rispetto al terzo trimestre 2019.
> EBITDA primi 9 mesi a 56.5 milioni di Euro, in incremento del 40,5% rispetto ai 40.2 milioni al 30.09.2019; Ebitda margin dal 7.6% all’8.9%. Ebitda terzo trimestre, +31.8% a 22.4 milioni di Euro (17 milioni nel terzo trimestre 2019) ed Ebitda margin dal 9.7% all’11.7%.
> EBIT progressivo al 30 settembre a 43.5 milioni di Euro, anch’esso in sensibile crescita (+ 61%) rispetto ai 27 milioni al 30.09.2019; Ebit margin dal 5.1% al 6.9%. Ebit terzo trimestre, +46.7% a 17.6 milioni di Euro (12 milioni nel terzo trimestre 2019) ed Ebit margin dal 6.9% al 9.2%.
> Utile netto primi nove mesi a 36.6 milioni di Euro, in sensibile progresso rispetto ai 19.1 milioni dei primi nove mesi 2019, in parte positivamente influenzato dalla presenza di proventi su cambi. Utile netto del trimestre a 10.9 milioni, in aumento rispetto ai 9.2 milioni di Euro del terzo trimestre 2019, nonostante l’impatto negativo degli oneri su cambi;
> Indebitamento finanziario netto a 105.2 milioni di euro (89.2 milioni al 30.06.2020 e 148.8 milioni al 31.12.2019).
> Gearing a 0.38 da 0.33 al 30 giugno 2020 e 0.59 al 31 dicembre 2019.

Prevedibile evoluzione della gestione
Dopo una fase di contenimento della pandemia da Covid-19 durante i mesi estivi, a partire da ottobre 2020, si è assistito, in particolare in Europa, alla recrudescenza del virus e alla conseguente applicazione di nuove misure restrittive, talvolta con lockdown parziali o totali in talune aree.

In tale scenario, sembra plausibile affermare, anche sulla base dell’andamento delle vendite di Gruppo del mese di ottobre, che nel quarto trimestre dell’anno la domanda di prodotti alimentari confezionati subirà un’accelerazione rispetto al trimestre precedente in cui si era osservato un rallentamento dei contagi- e non un riassorbimento come si paventava – poiché le famiglie ragionevolmente continueranno a privilegiare i consumi “a casa” a scapito di quelli “fuori casa”, anche a seguito della parziale richiusura del canale Horeca e del maggiore ricorso allo smart working.
Per quanto concerne il Gruppo La Doria, pur in un contesto segnato ancora da una marcata incertezza, le cui evoluzioni ed i relativi effetti non risultano prevedibili, in ragione dei risultati raggiunti nei primi nove mesi dell’anno in corso, del proseguimento degli effetti positivi degli investimenti avviati nel 2018 che andranno a pieno regime nel 2021 e della previsione che le vendite di prodotti alimentari nel canale retail continueranno verosimilmente a crescere, è prefigurabile per il 2020 un forte incremento del fatturato e della marginalità rispetto all’esercizio 2019 e alle previsioni.

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

Argomenti: