Kolinpharma: nel semestre flettono i ricavi ma si riduce la perdita

di , pubblicato il

Il Consiglio di Amministrazione di KOLINPHARMA, PMI Innovativa operante nel settore nutraceutico, si è riunito in data 29 settembre 2020 e ha approvato la relazione semestrale al 30 giugno 2020 redatta secondo i principi contabili OIC e assoggettata a revisione contabile limitata da parte della società di revisione B.D.O Italia S.p.A.

Dopo il secondo trimestre impattato dagli effetti del Covid, il terzo trimestre mostra segnali positivi di ripresa del mercato e delle prescrizioni mediche che a luglio e agosto hanno registrato una crescita del +3% in termini di valori rispetto agli stessi periodi del 2019 (con volumi pari a 77.956 nei due mesi 2020 vs 77.936 nel 2019).

Principali risultati al 30 giugno 2020

* Valore della produzione pari a Euro 3,4 mln (Euro 4,4 mln nell’1h2019)

* Ricavi pari a Euro 2,4 mln (Euro 3,1 mln nell’1h2019)

* EBITDA pari a Euro 0,3 mln (Euro 0,4 mln nell’1h2019)

* EBITDA adjusted1 pari a Euro 0,3 mln (Euro 0,5 mln nell’1h2019)

* Risultato Netto pari a Euro -127 mila (Euro -133 mila nel 1h2019)

* Posizione Finanziaria Netta pari a Euro 1,1 milioni (attiva per Euro 0,7 milioni al 31/12/2019)

* Patrimonio netto pari a Euro 5,1 milioni (Euro 5,2 milioni al 31/12/2019) IMS pari a n. 60 (n. 64 IMS nell’1h2019)

* Prescrizioni pari a n. 205.435 (n. 235.407 nell’1h2019)

Rita Paola Petrelli, Presidente di KOLINPHARMA, ha commentato: “i risultati del primo semestre 2020 hanno risentito degli effetti della pandemia Covid-19, dopo un inizio del 2020 molto positivo in termini di crescita delle prescrizioni.

Nonostante la flessione dei ricavi abbiamo mantenuto una buona marginalità del risultato operativo lordo e abbiamo chiuso il semestre con un risultato netto in linea con 1 Calcolato secondo la definizione riportata sul Documento di Ammissione, l’adjustment esclude le componenti straordinarie e non ricorrenti, tra le quali si citano l’indennizzo per il Patto di non concorrenza sottoscritto con il precedente Amministratore Delegato, gli oneri sostenuti per le conciliazioni (propedeutiche al processo di internalizzazione) con i dipendenti e Agenti, e i crediti d’imposta Ricerca e Sviluppo e per costi derivanti dal processo di quotazione.

il primo semestre 2019.

Il mercato sta progressivamente recuperando e aumenta la consapevolezza dell’opinione pubblica sull’importanza della salute e in particolare della maggiore attenzione alla prevenzione e benessere. Siamo molto soddisfatti dell’andamento post lockdown con prescrizioni in aumento da giugno e nei mesi di luglio e agosto anche superiori rispetto ai rispettivi mesi del 2019.

Abbiamo affrontato il semestre senza fonti di finanziamento esterne, e i contratti con Banca Progetto e Banco BPM, siglati dopo giugno, per complessivi Euro 4 milioni, saranno indirizzati al perseguimento degli obiettivi 2021. Abbiamo inoltre proseguito senza sosta il piano strategico con ottimi risultati in termini di innovazione e R&D con l’impiego della tecnologia innovativa delle compresse tristrato a rilascio controllato e di mercato con la registrazione di nuovi brevetti in USA, Israele e 12 Paesi europei; abbiamo inoltre digitalizzato il nostro modello di business con il CRM di IQVIA e introdotto nuovi prodotti dando una risposta alle attuali esigenze del mercato, con l’integratore alimentare KIP®Flu, patent pending, destinato al rafforzamento del sistema immunitario. Lo scenario globale rimane ancora incerto ma siamo fiduciosi che, se non verrà influenzato da ulteriori fattori esogeni, riusciremo a mantenere il trend di ripresa registrato negli ultimi mesi”.

(GD – www.ftaonline.com)

Argomenti: