Isagro: torna l’utile nel primo semestre

di , pubblicato il

Il Consiglio di Amministrazione di Isagro S.p.A. ha approvato il Bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2020, che sarà messo a disposizione del pubblico nei termini e con le modalità previsti dalla normativa applicabile.

– Primo “semestre pieno” con nuovo modello di business ha beneficiato di azioni di sviluppo commerciale, rifocalizzazione attività di ricerca, riduzione costi fissi
– Ricavi da Agrofarmaci e Servizi +19% vs. 2019 (68,5 milioni di Euro vs. 57,6 milioni)
– EBITDA consolidato: 7,5 milioni di Euro vs. 3,0 milioni del 2019 (che includevano 2,5 milioni da Accordi di M/L, assenti nel 2020)
– Risultato netto delle attività in funzionamento: utile di 1,0 milioni di Euro vs. perdita di 3,6 milioni del 2019
– Debiti finanziari netti al 30 giugno 2020: 34,0 milioni di Euro (di cui 4,3 milioni per IFRS 16) rispetto ai 34,4 milioni del 31 dicembre 2019 e ai 58,1 milioni del 30 giugno 2019, con un rapporto debt/equity di 0,37 (pari a 0,33 escludendo l’effetto del principio IFRS 16), a fronte di un circolante commerciale netto di 47,7 milioni

– Risultato netto in utile per 1,0 milioni di Euro rispetto alla perdita 2,4 milioni del 1H2019 ri-esposto, che includeva per 1,2 milioni il Risultato netto positivo di Isagro Asia;

Prospettive
Con riferimento ai risultati economici attesi per l’intero esercizio, Isagro si attende un livello di vendite moderatamente superiore a quello del 2019, a causa di un secondo semestre che è atteso risentire del phase-out di alcuni formulati in Europa. Il Risultato netto atteso nel 2020 dipenderà in misura determinante da operazioni straordinarie coerenti con il processo di ridefinizione del modello di business. Peraltro, le azioni di sviluppo commerciale e di ridefinizione organizzativa in corso, che già hanno positivamente contribuito ai risultati del primo semestre, manifesteranno un più ampio impatto nel prossimo esercizio.

(RV – www.ftaonline.com)

Argomenti: