Interpump cerca di limitare i danni

di , pubblicato il

Interpump è riuscito a limitare i danni nella seduta di ieri risultando alla fine uno dei pochi titoli del FTSE Mib con un saldo positivo, seppur marginale. Il quadro grafico evidenzia come i prezzi abbiano trascorso la settimana a consolidare il rialzo partito dai bottom di marzo, movimento che per il momento si è arrestato una volta giunto in prossimità della media mobile esponenziale a 100 sedute, attualmente a 44,50 circa. La correzione resta compatibile con lo scenario positivo che si è sviluppato nell’ultimo mese, ma la cautela è d’obbligo, trattandosi comunque di un rimbalzo dopo il perentorio ribasso partito in autunno. Oltre quota 44,50 le tensioni si allenterebbero e si creerebbero spazi di crescita verso i 50/51 euro dove verrebbe coperto il gap ribassista lasciato aperto a febbraio 2022. Discese sotto 40 euro invece rafforzerebbero le correnti ribassiste e la successiva violazione di quota 38,50 anticiperebbe il probabile ritorno sui bottom annuali di maggio a 34,56 euro.

(AC – www.ftaonline.com)

Argomenti: