Il Punto sui Mercati. Mediaset e Ferragamo in rally

di , pubblicato il

Piazza Affari prosegue al rialzo in scia alle trimestrali e alla fiducia nel vaccino di Pfizer. Il Ftse mib guadagna lo 0,83% il Ftse Italia All Share lo 0,92% e il Ftse Italia Star l’1%.

Flash sui titoli in evidenza nella seduta dell’11 novembre:

Mediaset

Mediaset (+6,45%) sale sul livello più alto dal 21 settembre a 1,81 euro, risalendo la china verso il picco di settembre a 1,93 circa. Una vittoria su questo ostacolo fornirebbe uno spunto interessante per archiviare l’ampia fase laterale disegnata nell’ultimo semestre verso obiettivi a 2,43 circa, calcolati proiettando l’ampiezza del doppio minimo disegnato tra agosto e ottobre da 1,435 euro. Un dietro front sotto 1,65 negherebbe tali attese anticipando una rivisitazione dei minimi a 1,435.
-Target: 2,43 euro
-Negazione: 1,65 euro
-RSI (14): neutrale

D’Amico

D’Amico (+8,65%) ha reagito con decisione al test a 0,077 dei minimi di aprile. Oltre 0,1030/0,1040 il titolo potrebbe puntare ai massimi di aprile a 0,1236. La violazione di area 0,077 comporterebbe invece l’invio di nuovi segnali negativi che porterebbero ad una rivisitazione dei minimi di marzo a 0,0638 euro.
-Target: 0,1236 euro
-Negazione: 0,077 euro
-RSI (14): neutrale

De Longhi

De Longhi (+5,44%) torna a crescere dopo una breve pausa e si riavvicina ai massimi di settembre a quota 32. Una vittoria su questo limite permetterebbe di riattivare il rally in direzione di 35,70 circa, lato superiore del canale tracciato dai minimi di marzo. Sul fronte dei supporti monitorare area 26,90/27, base del canale, la cui violazione potrebbe portare al test di supporti a 25,50 euro, poi a 24 circa.
-Target: 35,70 euro
-Negazione: 26,90 euro
-RSI (14): neutrale

Salvatore Ferragamo

Ferragamo (+4,97%) preme sull’acceleratore e si allunga verso i top di giugno a 14,80 euro, ultimo baluardo da scardinare per raggiungere a 15,42 euro, per il test del lato alto del canale che sale da marzo e base del gap lasciato aperto il 24 febbraio.

Lo slancio perderebbe invece vigore sotto quota 13,37-13,40, per supporti a 11,90 e 11.30.
-Target: 15,42 euro
-Negazione: 11,37 euro
-RSI (14): neutrale

(CC – www.ftaonline.com)

Argomenti: Nessuno