Il Punto sui Mercati

di , pubblicato il

Piazza Affari priva di spunti. Il Ftse mib guadagna lo 0,08% il Ftse Italia All Share lo 0,05% e il Ftse Italia Star lo 0,07%.

Flash sui titoli in evidenza nella seduta del 14 settembre:

Banca Intermobiliare

Banca Intermobiliare si proietta oltre i massimi di agosto a 0,054 euro andando all’attacco della emdia mobile a 50 giorni, passante da quest’area. Oltre questo limite atteso un allungo fino al picco di giugno a 0,079 circa (con target intermedio a 0,066). La rottura del massimo di giugno dispiegherebbe il doppio minimo disegnato tra marzo e agosto da 0,045 circa per obiettivi sui top di gennaio a 0,1135. Al contrario, discese sotto 0,045 porterebbero nuova debolezza verso nuovi record negativi.
-Target: 0,1135 euro
-Negazione: 0,045 euro
-RSI (14): neutrale

Elica

Elica risale la china verso i massimi di agosto a quota 2,83, primi ostacoli da superare per rivedere i top di giugno a 3,185 circa, corrispondente al 61,8% di ritracciamento del ribasso partito a febbraio. Conferme in tal senso favorirebbero la ricopertura del gap ribassista del 24 febbraio a 3,33, creando poi ulteriori spazi di crescita verso 3,60 circa. Discese sotto 2,57 favorirebbero invece correzioni con primo obiettivo a 2,62 euro poi a 2,50 euro.
-Target: 3,33 euro
-Negazione: 2,57 euro
-RSI (14): neutrale

Piovan

Piovan si allunga verso la media mobile a 50 giorni, in transito a 4,225 euro. Sarà necessaria la rottura di questo elemento affinchè i prezzi possano attaccare l’ostacolo successivo a 4,50 euro, determinante per aprire spazi di crescita in direzione di 5,15, linea che scende dai massimi di fine 2019. Possibile debolezza invece sotto 3,81, per supporti a 3,54 e 3,13 euro.
-Target: 4,50 euro
-Negazione: 3,81 euro
-RSI (14): neutrale

Brembo

Brembo riesce a dare continuità al movimento partito a fine luglio e si riaffaccia sui top allineati di marzo e giugno a 8,90 circa. Ulteriori conferme positive giungerebbero alla rottura di questo riferimento per obiettivi a 9,95, base del gap del 24 febbraio, poi a 10,31, per la chiusura dello stesso.

Discese sotto area 8 anticiperebbe invece nuovi cali verso quota 7,81, trend line che sale dai minimi di aprile.
-Target: 10,31 euro
-Negazione: 7,81 euro
-RSI (14): neutrale

(CC – www.ftaonline.com)

Argomenti: Nessuno