GVS avvia il processo di quotazione su MTA

di , pubblicato il

GVS comunica di aver avviato le attività funzionali al processo di quotazione delle proprie azioni ordinarie sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana.

In particolare, è previsto che il flottante richiesto ai fini della Quotazione sia realizzato attraverso un collocamento privato (l'”Offerta”) riservato ad investitori qualificati in Italia e investitori istituzionali all’estero ai sensi della Regulation S del United States Securities Act del 1933, come successivamente modificato (il “Securities Act”), e, negli Stati Uniti d’America, limitatamente ai qualified institutional buyers ai sensi della Rule 144A del Securities Act, con esclusione di quei paesi nei quali l’Offerta non sia consentita in assenza di autorizzazione da parte delle competenti autorità, in conformità con le leggi vigenti, o di esenzioni di legge o regolamentari applicabili.

È altresì previsto che l’Offerta (i) abbia a oggetto sia Azioni di nuova emissione – rivenienti da un aumento di capitale con esclusione del diritto di opzione – sia Azioni esistenti, pari, rispettivamente, a circa il 15% e circa l’85% dell’ammontare dell’Offerta, e (ii) includa un’opzione greenshoe.

Tale composizione dell’Offerta, la cui struttura finale sarà determinata in prossimità dell’avvio della stessa, ha l’obiettivo di fornire un’adeguata liquidità delle Azioni nell’aftermarket. La Società stima che il flottante atteso ad esito dell’Offerta, ivi inclusa l’opzione greenshoe, sarà più che adeguato rispetto al minimo requisito richiesto da Borsa Italiana.

Compatibilmente con le condizioni di mercato e subordinatamente all’ottenimento delle approvazioni richieste da parte di Consob e Borsa Italiana, la Società ritiene che l’Offerta possa essere avviata nel corso del mese di giugno 2020.

Nell’ambito dell’Offerta, Goldman Sachs International e Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.

p.A. agiscono in qualità di joint global coordinators e joint bookrunners. Lazard agisce in qualità di advisor finanziario della Società. Alirahealth agisce in qualità di independent strategic advisor. White & Case agisce in qualità di consulente legale della Società, mentre Clifford Chance agisce in qualità di consulente legale dei joint global coordinators e joint bookrunners.

Descrizione del Gruppo GVS
Il Gruppo GVS è tra i leader mondiali nella fornitura di soluzioni filtranti per applicazioni nei settori Healthcare & Life Sciences, Energy & Mobility e Health & Safety.

La forte tendenza all’internazionalizzazione ha portato GVS all’apertura di 13 stabilimenti di produzione situati in Italia, Regno Unito, Brasile, USA, Cina, Messico e Romania, e di 6 uffici commerciali in Russia, Turchia, Argentina, Giappone, Cina e Corea.

Nell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2019, il Gruppo GVS ha registrato ricavi da contratti con i clienti pari a Euro 227 milioni e un EBITDA Normalizzato pari a Euro 62 milioni.

Q1 20 Business Update
Nel corso del trimestre chiuso al 31 marzo 2020, i ricavi da contratti con i clienti hanno registrato un incremento pari al +4,7% rispetto al trimestre chiuso al 31 marzo 2019, riconducibile principalmente alla crescita conseguita nella divisione Health & Safety.

L’EBITDA del Gruppo GVS è passato da Euro 16 milioni al 31 marzo 2019 a Euro 17 milioni al 31 marzo 2020, con un conseguente incremento dell’EBITDA Margin (dal 28,6% per il trimestre chiuso al 31 marzo 2019 al 29,0% per il trimestre chiuso al 31 marzo 2020), principalmente per effetto dell’aumento dei ricavi da contratti con i clienti, e della riduzione dei costi per il personale, la cui incidenza sui ricavi si riduce passando dal 33,4% al 31,0% nei periodi in esame.

Previsioni FY 2020
In considerazione delle tendenze verificatesi nei mercati di riferimento nei primi mesi dell’esercizio 2020 e dell’impatto che tali tendenze stanno avendo sulle attività del Gruppo, in data 8 maggio 2020 (la “Data di Riferimento”) GVS ha elaborato talune stime dei risultati attesi per l’esercizio 2020.

Si precisa che le suddette stime elaborate con riferimento ai risultati attesi per l’esercizio 2020, non devono essere considerate rappresentative di un andamento inerziale anche negli esercizi successivi a quello oggetto delle stesse stime.

In particolare, in funzione dell’ammontare dei ricavi da contratti con i clienti per il trimestre chiuso al 31 marzo 2020, dell’ammontare dei suddetti ricavi registrato nel mese di aprile 2020 e del portafoglio ordini acquisiti alla Data di Riferimento, GVS si attende di raggiungere, al netto di eventuali nuove acquisizioni o di cancellazioni di ordini acquisiti, ricavi per l’esercizio che chiuderà al 31 dicembre 2020, nell’intervallo compreso tra Euro 280 e 320 milioni, in crescita del 23% -41% rispetto agli stessi ricavi registrati nell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2019, con percentuali di crescita per l’anno 2020 superiori alle medie storiche di andamento del business dell’Emittente per effetto dell’accelerato adeguamento della domanda dei filtri per respiratori e dei dispositivi di protezione individuale per rispondere alla emergenza generata dal COVID-19.

In termini di ripartizione dei ricavi da contratti con i clienti attesi per l’esercizio che chiuderà al 31 dicembre 2020 sulle divisioni, alla Data di Riferimento, GVS si aspetta di ottenere:

* circa il 50% dalla divisione Healthcare & Life Sciences, in linea con l’incidenza registrata nell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2019;

* circa il 15% -20% dalla divisione Energy & Mobility, che, rispetto al 39% circa dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2019, ridurrà la sua incidenza, a fronte della riduzione prudenziale di tutte le previsioni di ordini ricevute da parte dei clienti del settore fino alla fine del 2020, a causa degli effetti sul mercato di riferimento della pandemia da COVID-19 che, peraltro, estenderà il ritardo già registrato nella partenza delle nuove piattaforme di alcuni clienti della divisione; e

* circa il 30% -35% dalla divisione Health & Safety, in sensibile crescita rispetto all’incidenza del 10% circa registrata nell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2019.

Inoltre, GVS si attende di raggiungere per l’esercizio che chiuderà al 31 dicembre 2020 un EBITDA Margin Normalizzato in miglioramento rispetto a quello registrato nel trimestre chiuso al 31 marzo 2020, pari al 31,5%.

Pertanto, l’EBITDA Normalizzato previsto da GVS per l’esercizio che chiuderà al 31 dicembre 2020 non sarà inferiore al 31,5% dei ricavi attesi e varierà, conseguentemente, a seconda del posizionamento nella fascia bassa o alta dell’intervallo di ricavi stimato per il 2020, ovvero:

* l’EBITDA normalizzato non sarà inferiore a 88,2 milioni di Euro, pari al 31,5% di 280 milioni di Euro, nell’ipotesi che si concretizzi il valore inferiore di ricavi stimati per il 2020;

* l’EBITDA normalizzato non sarà inferiore a 100,8 milioni di Euro, pari al 31,5% di 320 milioni di Euro, nell’ipotesi che si concretizzi il valore superiore di ricavi stimati per il 2020.

Le previsioni formulate da GVS sono basate su ipotesi di realizzazione di eventi futuri caratterizzati da connaturati elementi di soggettività e incertezza. Inoltre, le previsioni sono basate altresì su un insieme di assunzioni ipotetiche relative a eventi futuri e azioni del management sui quali GVS non può, o può solo in parte, influire. Pertanto, per effetto dell’aleatorietà connessa alla realizzazione di qualsiasi evento futuro, non può essere escluso che vi potranno essere scostamenti, anche significativi, fra valori consuntivi e valori stimati.

(GD – www.ftaonline.com)

Argomenti: Nessuno

I commenti sono chiusi.