Gas Plus: perdita di 4,5 mln nel primo semestre

di , pubblicato il

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus S.p.A., società con azioni quotate sul Mercato Telematico Azionario gestito da Borsa Italiana, ha approvato la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2020.

Risultato economico consolidato penalizzato dalla recessione causata dalla diffusione del Covid-19 e dal conseguente peggioramento dei prezzi degli idrocarburi.
Positivo l’andamento delle attività downstream (Network e Retail).
Proseguono le attività di sviluppo E&P sui principali progetti in Italia e in Romania.
Struttura finanziaria solida ed equilibrata: indebitamento netto in calo su fine 2019.

• Ricavi: € 41,3 M vs € 52,1 M del 1H19
• EBITDA: € 4,7 M vs € 14,7 M del 1H19
• EBIT: € -4,2 M vs € 5,0 M del 1H19
• EBT: € -6,8 M vs € 4,4 M del 1H19
• Risultato netto: € -4,5 M vs € 3,1 M del 1H19
• PFN: € 58,9 M vs € 66,0 M al 31 dicembre 2019

I risultati di periodo per il principale settore di attività del Gruppo, quello dell’E&P – ha dichiarato l’Amministratore Delegato Davide Usberti – credo si prestino a due differenti letture. Nel breve il crollo dei prezzi energetici post Covid ha determinato, come per la generalità degli operatori, un forte calo del fatturato ed una perdita, anche a livello consolidato. Per contro proseguono i programmi di sviluppo, per i quali all’estero il progetto nel Mar Nero rumeno, nonostante il Covid, è giunto ad oltre un terzo del programma lavori. Passando all’Italia cogliamo positivamente l’orientamento del Governo a mitigare già dal corrente anno l’impatto delle aumentate corresponsioni allo Stato introdotte lo scorso anno, per le piccole e medie produzioni di gas naturale, utili, tra l’altro, a contenere le importazioni ed il connesso impatto ambientale. Stiamo inoltre avviando le attività di realizzazione del principale progetto on shore di gas naturale attualmente in fase di sviluppo, che per parte nostra siamo determinati a portare avanti, confidando in un analogo impegno di tutti i soggetti coinvolti.

Nel down stream, infine, la crescita di marginalità nella distribuzione gas conferma la bontà delle acquisizioni effettuate negli ultimi anni.”

OUTLOOK 2020
Permanendo l’attuale fase di emergenza sanitaria e di debolezza degli scenari energetici per la restante parte del 2020, si conferma la previsione di un Ebitda consolidato in sensibile calo rispetto al 2019 e di un risultato netto di segno negativo.

(RV – www.ftaonline.com)

Argomenti: