Gambero Rosso: approvato il piano industriale 2020-2024

di , pubblicato il

Il Consiglio di Amministrazione di Gambero Rosso S.p.A., holding del Gruppo Gambero Rosso, leader nel settore wine travel food e quotata sul sistema multilaterale di negoziazione AIM Italia/Mercato Alternativo del capitale, riunitosi sotto la Presidenza dell’Ing. Paolo Cuccia, ha approvato all’unanimità il nuovo piano industriale 2020 – 2024.

L’emergenza Covid – 19
Il piano del Gruppo Gambero Rosso è stato sviluppato sull’arco temporale 2020-2024, e tiene conto degli effetti del Covid-19. Il clima emergenziale derivante dall’epidemia ha infatti prodotto delle ripercussioni negative sulla maggior parte delle attività del Gruppo ed in particolar modo su quelle che prevedevano la presenza fisica, come eventi e corsi di cucina, mentre sono rimaste operative le altre attività aziendali come televisione, attività digitali e di comunicazione, attività editoriali nonché la formazione a distanza, nonostante il repentino peggioramento della raccolta pubblicitaria. Inoltre, le potenzialità offerte dall’online hanno consentito di introdurre nuove iniziative e accelerare lo sviluppo in ambito digital, portando così a una rivisitazione e realizzazione di alcune iniziative e attività tradizionali in chiave digitale.

Piano industriale 2020-2024
Come noto, le attività che contribuiscono in maniera sinergica a caratterizzare l’unicità del Gambero Rosso sono lo sviluppo dei contenuti, la formazione professionale e manageriale, gli eventi di promozione internazionale del Made in Italy e la diffusione di servizi, nonché contenuti ed accesso a market place con tecnologie televisive e digitali. L’obiettivo strategico è quello di creare valore attraverso la trasformazione digitale dei contenuti e del know how aziendale per valorizzare lo sfruttamento del brand e della base editoriale come soggetto ad alta reputazione, con una posizione di market leader sul mercato digital ed internazionale.

Nonostante il calo dei ricavi attesi per il 2020, il piano prevede per il 2021 un ritorno sia dei fatturati che dei margini a livelli analoghi a quelli conseguiti nel 2019. A partire dal 2022 è attesa una crescita dei ricavi consolidati ed un miglioramento dei margini operativi in termini di Ebitda. L’incremento atteso del fatturato ed il miglioramento dei margini operativi nell’arco del piano è dovuto non solo ad iniziative di crescita organica ma altresì ad azioni di efficienza operativa, nonché alle maggiori efficienze conseguibili dallo sfruttamento dei contenuti sia televisivi che editoriali su broadcast nazionali ed internazionali, alle sinergie ed opportunità di Gruppo, con particolare riferimento all’accordo con la concessionaria Class Pubblicità, e Joint Venture con il Campus Principe di Napoli.
Sono di seguito descritti gli obiettivi per ciascuna area di attività (BU):
– per la BU Content nell’arco del piano si prevede di mantenere costante la produzione dei prodotti editoriali storici con l’obiettivo di confermare il ruolo di primo database Wine Travel Food italiano nel mondo.
– per la BU TV & Digital la crescita si basa su un’ipotesi di sviluppo dei ricavi collegati all’utilizzo dei contenuti della library televisiva su broadcast nazionali, internazionali, progetti di comunicazione, nonché la crescita dell’attività web grazie all’upgrade della piattaforma digital e grazie al contributo della società ClassPi nella raccolta pubblicitaria. L’obiettivo del Gruppo è l’affermarsi nel ruolo di Marketplace di contenuti e accesso all’e-commerce.
– per la BU Education l’incremento dei fatturati previsto nell’arco del piano è principalmente attribuibile alle aspettative di crescita dell’attività formativa a distanza grazie alla Joint Venture con il Campus Principe di Napoli e tramite accordo di corsi con la rete del Gruppo Multiversity. Si vuole confermare il ruolo del più ampio sistema formativo professionale e manageriale italiano.
– per la BU International Promotion & Events, dopo il calo atteso di fatturato nel 2020 rispetto al esercizio precedente, si prevede di conseguire a partire dal 2021 un fatturato in linea con quello conseguito nel 2019 mentre si ipotizza una crescita fisiologica dal 2022 in poi.

– per la BU Partnership dopo un leggero calo del fatturato atteso nel 2020, si ipotizzano nel 2021 ricavi consolidati in linea con quelli conseguiti nel 2019; è attesa un’ulteriore crescita dei ricavi negli esercizi successivi grazie alla fidelizzazione dei principali clienti in essere e nuovi accordi.
Il piano è stato sviluppato senza considerare possibili scenari evolutivi e di nuove iniziative da implementare che potrebbero generare benefici in termini di maggiori ricavi e di redditività nonché della generazione di flussi di cassa positivi con conseguente miglioramento di tutti gli indicatori del gruppo. Si precisa che i dati prospettici rappresentati nel Piano 2020-2024 costituiscono degli obiettivi strategici stabiliti nell’ambito della programmazione aziendale. Il Gruppo continua a monitorare con estrema attenzione sia l’evolversi dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19 che le potenziali ricadute sui mercati di riferimento, mantenendo un’attenzione proattiva e costante al contenimento di tutti i costi e all’individuazione di iniziative che possano ulteriormente mitigare il rischio legato ai ricavi a tutela di redditività e flussi di cassa attesi.

(RV – www.ftaonline.com)

Argomenti: