doValue centra target pre-Covid nuovi mandati servicing Sud Europa

di , pubblicato il

doValue (-0,2% a 9,30 euro) ha annunciato stamattina un nuovo accordo per la gestione di crediti in sofferenza. Il gruppo ha infatti siglato un Memorandum of Understanding con Bain Capital Credit riguardante un portafoglio di crediti in sofferenza a Cipro per un valore complessivo di circa 650 milioni di euro. Il portafoglio, denominato “Progetto Marina”, è stato originato da National Bank of Greece ed è composto principalmente da crediti garantiti di tipologia corporate e PMI, relativi a oltre 2.000 debitori.

L’accordo annunciato oggi permette a doValue di portare il volume totale dei nuovi mandati di servicing ottenuti nel 2020 in Europa meridionale a circa 9,3 miliardi di euro, raggiungendo quindi l’obiettivo (fissato, si badi bene, prima dell’emergenza Covid-19) posto tra 9 e 11 miliardi di euro. doValue è il primo operatore in Sud Europa nei servizi di credit management e real estate per banche e investitori e potrebbe approfittare del probabile incremento nei prossimi mesi dei crediti deteriorati nei bilanci delle banche causato dalla crisi innescata dalla pandemia.

L’analisi del grafico di doValue mette in evidenza il test di fine ottobre del supporto a 7,50 euro e il successivo rimbalzo. Il titolo è ora impegnato nel tentativo di riavvicinamento al massimo di fine agosto a 10,20 (segnali positivi in tal senso oltre il recente picco a 9,55). L’eventuale superamento di questo riferimento favorirebbe la riattivazione del movimento ascendente in essere da marzo in direzione di 11,50 e quindi dei massimi allineati di fine 2019-inizio 2020 a 12,90 circa. discese sotto 8,67 anticiperebbero invece un test di 8,16, ultimo supporto utile al fine di scongiurare un nuovo pericoloso test di area 7,50 (appoggio successivo a 6,50 circa).

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

Argomenti: