DiaSorin in rally con seconda ondata COVID-19

di , pubblicato il

DiaSorin resiste alla debolezza del mercato (+0,1% a 191,50 euro) confermando la solidità del rally partito a inizio settembre (ieri massimi da fine maggio, in riavvicinamento al record storico a 211,80 euro toccato il 25/5). Il recupero del titolo è coinciso con la seconda ondata di contagi da COVID-19: la cosa non sorprende in quanto DiaSorin è attiva nella produzione di test per il virus. L’incremento dei contagi e l’incertezza della tempistica per l’immunizzazione della popolazione tramite vaccino giocano a favore del gruppo di Saluggia. Ieri record di positivi (7.332) e tamponi (152.196) in Italia: il precedente massimo era stato registrato il 21 marzo con 6.557 positivi ma solo 26.336 tamponi.

L’analisi del grafico di DiaSorin mette in evidenza il recente superamento della resistenza a 182 euro circa, circostanza che ha determinato un netto miglioramento del quadro grafico di breve-medio periodo e creato le premesse per il ritorno sui 211,80, massimo assoluto del 25 maggio. Discese sotto 182 potrebbero invece anticipare correzioni verso 174-175 e 163, riferimento decisivo quest’ultimo per scongiurare l’inversione di tendenza e il ritorno sui 140,50 di inizio settembre. In ottica temporale più estesa possiamo osservare che una vittoria sui 211,80 riattiverebbe la tendenza rialzista di fondo verso obiettivi a 230 e 255-260.

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

Argomenti: