Dax, la resistenza per ora tiene

di , pubblicato il

Dax, la resistenza per ora tiene. Il Dax ha terminato la seduta di lunedì con un rialzo dello 0,47% a 13139 punti, chiusura più alta dal 17 settembre, ma i massimi di giornata a 13277 si collocano al di sotto del picco del 9 novembre a 13297, a sua volta allineato con la resistenza critica offerta a 13314 punti dal top del 21 luglio a 13314 punti contro la quale si sono già scontrati i prezzi più volte nel corso dell’estate (a settembre ci sono state due sedute con massimi intraday oltre il top di luglio ma con chiusure di giornata inferiori alla resistenza). Senza il superamento di area 13300 il rimbalzo visto dal minimo di fine ottobre, per quanto veloce ed esteso, rischia di dimostrarsi solo la fase intermedia di una correzione complessa, quella iniziata appunto dal picco di luglio. Le tre candele giornaliere disegnate nella porzione centrale dell’ottava hanno poi formato una figura “evening star”, elemento che potrebbe porre fine al rialzo in atto da inizio mese se venisse confermato con la violazione della sua base, posta a 13000 circa, praticamente coincidente con il 50% di ritracciamento della seduta del 9 novembre, supporto posto a 12980 circa. La violazione di questa area di sostegno potrebbe fare temere l’avvio di una flessione volta a ricoprire i tre gap lasciati durante il rialzo delle ultime due settimane, il più vicino dei quali, quello del 9 novembre, si colloca a 12596 punti. Oltre area 13300, resistenza da superare anche in chiusura di seduta perchè la rottura sia affidabile, atteso il test di 13500, lato alto del gap ribassista del 24 febbraio.

(AM)

Argomenti: Nessuno