CNH Industrial in parziale rimonta

di , pubblicato il

CNH Industrial in parziale rimonta a Piazza Affari: il titolo segna un rialzo dello 0,72% a 6,96 euro dopo un allungo 6,982. L’azione di recente è stata caratterizzata da una certa debolezza che ha portato le quotazioni dai top del 10 settembre a 733 euro ai 6,77 euro del 16 settembre.

I cali cui i corsi della società d Iveco e Case New Holland oggi cerca di reagire sono avvenuti mentre il settore del trasporto pesante registrava lo scossone di Nikola, colosso dei camion elettrici duramente attaccato dal fondo Hindenburg Research che oltretutto aveva aperto una posizione short sulla casa americana.

Lo scorso giugno l’impianto produttivo tedesco di Ulm di Iveco (gruppo CNH Industrial) aveva comunicato l’intenzione di produrre il Nikola TRE, un’alleanza che coinvolge FPT Industrial e che ha visto CNH Industrial acquisire una quota di 250 milioni di dollari in Nikola come “lead Series D investor”.

Più di recente la CNBC aveva però riportato che GM si accingeva a rilevare una quota da 2 miliardi di dollari in Nikola (l’11% del suo capitale).Proprio a questa opportunità faceva riferimento il filing SEC di Nìkola del 14 settembre che parlava del report di Hindenburg come opportunisticamente pubblicato dopo l’annuncio della partnership, un report definito comunque falso e diffamatorio, ma la SEC indaga e, secondo quanto riportato ieri dal Wall Street Journal adesso lo fa anche il Dipartimento di Giustizia di New York che dunque allarga l’ambito dell’inchiesta a eventuali procedimenti penali.

Hindenburg ha accusato di frode e false dichiarazioni del fondatore della società dei camion elettrici Trevor Milton.

Ancora oggi Nikola non ha venduto un camion. Il nodo è quello di batterie a idrogeno che dovrebbero avere grandi dimensioni e potenza.

L’esito della vicenda ancora del tutto incerto.Tornando al caso di CNH Industrial i cali recenti hanno intaccato il trend rialzista di breve dal 3 agosto scorso, ma sono ben lontani dalla trendline ascendente dai minimi del 22 maggio.

(GD – www.ftaonline.com)

Argomenti: