Cellularline: risultato netto adjusted negativo per 0,7 mln nel primo semestre

di , pubblicato il

Il Consiglio di Amministrazione di Cellularline S.p.A. (di seguito “Cellularline” o “Società”), azienda leader in Europa nel settore degli accessori per smartphone e tablet, quotata al Mercato Telematico Azionario – Segmento STAR, ha esaminato e approvato la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2020, confrontata con quella al 30 giugno 2019.

• Ricavi delle vendite pari a Euro 36,6 milioni (Euro 55,3 milioni al 30 giugno 2019), di cui Euro 2,7 milioni derivanti dal consolidamento di Systema nel primo trimestre 2020.
• Adjusted EBITDA pari a Euro 1,2 milioni (Euro 9,2 milioni al 30 giugno 2019). Adjusted EBITDA degli ultimi dodici mesi pari a Euro 25,1 milioni.
• Risultato Netto Adjusted pari a Euro -0,7 milioni (Euro 6,2 milioni al 30 giugno 2019).
• Indebitamento finanziario netto pari a Euro 33,4 milioni (Euro 24,6 milioni al 31 dicembre 2019); confermato basso livello di Leverage ratio (1,3x).

Marco Cagnetta, Co-CEO del Gruppo Cellularline, ha commentato: “Siamo orgogliosi di come il Gruppo ha saputo reagire con grande tempestività e determinazione alla crisi senza precedenti determinata dalla diffusione della pandemia da Covid-19 a partire da marzo. Grazie al contributo di tutte le nostre persone e all’attuazione di un incisivo piano di riduzione costi siamo stati in grado di contenerne gli effetti, riuscendo a chiudere anche il secondo trimestre con un Adjusted EBITDA positivo, confermando una forte solidità patrimoniale e finanziaria e la distribuzione di un dividendo in crescita del 10% rispetto all’anno precedente. In un contesto non ordinario e di perdurante incertezza, continueremo ad intraprendere tutte le azioni necessarie volte al contenimento degli effetti della pandemia sul business nel breve termine, rimanendo focalizzati nel proseguimento della nostra strategia di lungo periodo di sviluppo prodotti, mercati, canali e brand anche tramite l’attività di M&A, cosi come dimostrato dalla recente operazione di acquisizione di Worldconnect AG, del tutto coerente con le nostre direttrici di sviluppo strategico.

Con la prudenza necessaria legata all’incertezza degli sviluppi futuri della pandemia a livello mondiale, affrontiamo la seconda parte dell’anno con indicatori commerciali che si stanno gradualmente avvicinando a quelli dell’esercizio precedente”.

Evoluzione prevedibile della gestione
Gli effetti della pandemia hanno provocato una grande incertezza in termini di durata ed intensità delle conseguenze economico-sociali ad essa connesse e risulta ancora oggi difficile determinare con precisione il loro impatto sull’intero anno 2020. Inoltre, l’emergenza sanitaria non è ancora stata risolta a livello globale e permane conseguentemente un contesto di una limitata prevedibilità con riferimento ai futuri potenziali sviluppi della pandemia, ad eventuali seconde ondate di contagio, e alle relative potenziali ricadute sul sistema economico a seguito di una eventuale ripresa delle misure restrittive. Pur considerando l’elevata incertezza sul futuro, anche nel breve periodo, i progressivi segnali di minor calo nelle vendite (sia a sell-in che a sell-out) registrati a partire dal mese di giugno – in ulteriore miglioramento sulla base dei dati preliminari del bimestre luglio/agosto – ci fanno pensare che la fase più difficile dell’emergenza sia ormai passata. Con riferimento alle principali attività strategiche in corso, il management, oltre ad aver attivato il sopra descritto piano di azione volto a limitare l’impatto economico finanziario del Covid-19, continua a focalizzarsi sugli sviluppi in tema di i) innovazione/allargamento prodotto, ii) sviluppi/accordi per l’allargamento della gamma audio, iii) rafforzamento nei canali meno presidiati, iv) rafforzamento della struttura finanziaria, anche a supporto di possibili ulteriori operazioni di M&A, v) integrazione delle Operations con la neo acquisita società Worldconnect AG, le cui relative sinergie, sia di ricavi che di costi, si manifesteranno progressivamente nel corso del 2021, soprattutto dal secondo semestre.

(RV – www.ftaonline.com)

Argomenti: