Caleffi: torna l’utile nel primo semestre

di , pubblicato il

Il Consiglio di Amministrazione di CALEFFI, società specializzata in articoli Home Fashion ha approvato la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2020.

La performance dei canali e-commerce e loyalty, il contenimento dei costi operativi e l’ottimizzazione della supply chain, hanno contrastato gli effetti del COVID-19.

• Fatturato: Euro 19,7 milioni (1H2019: Euro 22,8 milioni)
• EBITDA: Euro 1,6 milioni (1H2019: Euro 1,3 milioni)
• EBIT: Euro 0,2 milioni (1H2019: Euro –0,2 milioni)
• Risultato Netto del Gruppo: Euro 0,16 milioni (1H2019: Euro -0,39 milioni)
• Indebitamento Finanziario Netto: Euro 20,6 milioni (FY2019: Euro 18,9 milioni)

Guido Ferretti, Consigliere Delegato Corporate di CALEFFI Group:
“I risultati del primo semestre 2020 riflettono positivamente le azioni prontamente intraprese dal Gruppo all’inizio della pandemia, con una sostanziale tenuta dei ricavi (considerando il periodo) e un significativo miglioramento della marginalità operativa lorda, in incremento di circa il 20% rispetto al corrispondente periodo dell’esercizio precedente, a conferma dell’efficacia delle decisioni adottate. In un contesto decisamente difficile per effetto della pandemia COVID-19, il Gruppo CALEFFI ha fronteggiato e contrastato le ripercussioni derivanti dal lockdown, implementando un Piano di Emergenza che prevedeva lo stringente controllo e il contenimento dei costi operativi, l’ottimizzazione della supply chain, la protezione dei flussi di cassa e della posizione finanziaria. In uno scenario di progressivo controllo della pandemia, il ritrovato interesse per la casa e le nuove priorità di consumo che presumibilmente rimarranno anche una volta terminata l’emergenza, l’accresciuta propensione agli acquisti online e l’ottimo andamento delle operazioni Loyalty, ci permettono di affrontare con ottimismo la seconda metà dell’anno e ci consentono di prevedere, in assenza di ulteriori periodi di lockdown, una chiusura dell’esercizio con risultati di fatturato non inferiori al 2019 e un sensibile miglioramento della redditività.

Evoluzione prevedibile della gestione
Il contesto economico generale permane piuttosto incerto a causa della situazione economica di alcuni mercati importanti, delle tensioni geopolitiche e, ancor più, sanitarie in essere. Lo scenario economico e sociale è stato ed è fortemente impattato dalla diffusione del Coronavirus Covid-19 e dalle misure di lockdown imposte dalle Autorità. Di contro la forzata “reclusione domestica”, il vivere la casa 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ha portato a riscoprirne il vero ruolo e la vera funzione. La casa si è vista pertanto riversare maggiore attenzione e risorse prima riservate all’outdoor e al tempo libero. La grande incognita di questo scenario è la ripresa economica, che condizionerà in modo decisivo l’andamento degli acquisti non alimentari nel futuro e che rende difficile fare previsioni nel medio termine. Relativamente ai risultati dell’anno 2020, tenuto conto del ritrovato interesse sui prodotti per la casa, dell’andamento vendite nelle ultime settimane e degli ordini già in portafoglio, in assenza di ulteriori periodi di lockdown e/o altre forme di limitazione alle attività produttive e al commercio, stimiamo una chiusura con risultati di fatturato non inferiori al 2019 e un sensibile miglioramento della redditività. L’evoluzione prevedibile della gestione per il secondo semestre 2020 sarà comunque influenzata da rischi ed incertezze dipendenti da molteplici fattori congiunturali, non tutti inerenti alla sfera di controllo del Gruppo.

(RV – www.ftaonline.com)

Argomenti: