BPM sui massimi da maggio 2016 con report Kepler Cheuvreux

di , pubblicato il

Non si ferma l’ascesa di Banco BPM il titolo sale dello 0,8% e tocca il massimo da maggio 2016 a 3,9480 euro in scia al report di Kepler Cheuvreux: confermata la raccomandazione buy e target incrementato da 3,70 a 4,50 euro. Parlando a margine di un evento, Giampiero Maioli (a.d. di Credit Agricole Italia) ha affermato che la banca francese non intende superare la soglia del 10% nel capitale di BPM. Attualmente Credit Agricole ha il 9,178% (come riportato dal sito della Consob) ed è il principale azionista. Circa due settimane fa era emerso delle comunicazioni Consob che JP Morgan aveva azzerato la partecipazione potenziale del 5,194%.

Il Messaggero aveva scritto che, secondo fonti di Credit Agricole Italia, è escluso che la banca francese fosse coinvolta nell’operazione. Le parole di Maioli confermano questa ricostruzione. JP Morgan è stato il broker attraverso il quale Credit Agricole ha costruito la sua quota in BPM, per cui la notizia dell’uscita della banca americana aveva riacceso i riflettori sulle eventuali ambizioni dei francesi.

L’analisi del grafico di Banco BPM mette in evidenza il superamento del massimo dello scorso febbraio a 3,7620 euro e il completamento del testa e spalle rialzista in formazione dal 2017, operazione che permette ai corsi di puntare verso 4,80 almeno, con obiettivo ideale a 6,50 circa. In caso di flessioni monitorare la tenuta di 3,70, con appoggi successivi a 3,53-3,54 e 3,41-3,42.

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

Argomenti: