Borse europee negative

di , pubblicato il

Le principali Borse europee hanno aperto la seduta in ribasso penalizzate dalle preoccupazioni legate alla tenuta dell’economia globale durante la crisi del coronavirus. L’indice Stoxx 600 cede lo 0,8%, il Dax30 di Francoforte lo 0,8%, il Cac40 di Parigi lo 0,9%, il Ftse100 di Londra lo 0,8% e l’Ibex35 di Madrid l’1,4%.
Tra i titoli in evidenza Thyssenkrupp -5%. Il colosso siderurgico ha registrato nell’esercizio 2019-2020 (chiuso lo scorso 30 settembre) un balzo delle perdite da attività ricorrenti a 5,54 miliardi di euro dagli 1,11 miliardi del precedente anno fiscale. I profitti netti si sono però attestati a 9,58 miliardi, considerando business in fase di dismissione (come la divisione Elevator Technology). L’ebit rettificato da attività ricorrenti è stato negativo per 1,63 miliardi, contro i 110 milioni di perdita di un anno prima. Le vendite operative sono calate nei 12 mesi da 34,04 a 28,9 miliardi. Per l’attuale esercizio la conglomerata tedesca si attende un miglioramento del business, con una crescita delle vendite da attività ricorrenti fino a un massimo del 5% annuo. “Nonostante i significativi miglioramenti operativi, Thyssenkrupp prevede una perdita netta di oltre 1 miliardo di euro”, ha comunque ammesso la società.
Koninklijke Ahold Delhaize +0,8%. Il gruppo della grande distribuzione ha raggiunto l’accordo per acquisire l’80% del capitale di FreshDirect, mentre il rimanente 20% sarà controllato dal private equity Centerbridge Partners. Non sono stati resi noti i dettagli economici dell’operazione. La preda, fondata nel 2002 a New York, è un retailer online di alimentari specializzato nel fresco (segmento che genera oltre il 60% delle sue vendite), con attività in sette Stati Usa.
Vallourec -2%. Il produttore di tubi ha chiuso il terzo trimestre con una perdita netta di 69 milioni di euro, in crescita rispetto al rosso di 60 milioni dello stesso periodo di un anno prima.


Swatch -0,2%. Secondo quanto comunicato dalla Fédération de l’industrie horlogère suisse (Fh, l’associazione di settore con sede a Biel), in ottobre l’export di orologi dalla Svizzera è calato del 7,1% annuo a 1,88 miliardi di franchi (1,74 miliardi di euro). Si tratta della nona contrazione consecutiva.
Rexel -3%. Hsbc ha tagliato il rating sul titolo del leader mondiale nella vendita all’ingrosso di materiale elettrico a “hold” da “buy”.

(RV – www.ftaonline.com)

Argomenti: Nessuno