Bond News: Euromacro

di , pubblicato il

Poche le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.

Nel Regno Unito l’ONS ha annunciato che il volume destagionalizzato delle vendite al dettaglio ha evidenziato nel mese di aprile una variazione negativa del 18,1% su base mensile, risultando nettamente inferiore alle attese degli analisti fissate su un calo dello 16%, dal -5,1% della rilevazione precedente. Su base annuale le vendite hanno registrato una flessione del 22,6% dopo la variazione negativa del 5,8% della rilevazione precedente (consensus -22,2%). L’indice (esclusa la benzina) e’ diminuito del 15,2% su base mensile (consensus -15%) in forte calo rispetto alla rilevazione precedente (-3,7%). Su base annuale l’indice, esclusa la benzina, ha mostrato un calo del 18,4% (aspettative -18,2% a/a), dal -4,1% della rilevazione precedente.

Dai verbali BCE, relativi alla riunione di politica monetaria di fine aprile sono stati, pubblicati oggi emerge che il mercato finanziario continua a mostrare segni di fragilità.Le misure fino ad ora introdotte hanno provveduto a garantire un forte grado di politica monetaria accomodante.
I membri dell’istituto centrale hanno espresso perplessità sugli scenari economici che potrebbero sembrare già obsoleti. Nello specifico, lo scenario più mite è sembrato troppo ottimistico.Nel report si legge anche che nella prossima riunione la banca centrale dovrà tenersi pronta a rivedere sia il suo programma pandemico di acquisti sia i suoi altri strumenti: “Nel meeting di giugno saranno disponibili maggiori informazioni, incluse le nuove proiezioni economiche dell’Eurosistema. A quel punto il Consiglio Direttivo dovrà essere pronto ad aggiustare sia il PEPP sia potenzialmente gli altri strumenti a sua disposizione se si renderà conto che lo stimolo non sarà ancora sufficiente.”E con riferimento al PEPP i membri dell’istituto parlando di “ancora di stabilità per l’Eurozona e i mercati obbligazionari”.

Scendono i depositi overnight presso la Bce. L’ultima rilevazione giornaliera indica che i depositi di breve delle banche europee presso la Banca centrale europea ammontano a 259,408 miliardi di euro, dai 266,463 miliardi della lettura precedente. Salgono a 3 milioni di euro i prestiti marginali da zero i precedenti.

Spread BTP/Bund a 213 punti base nel pomeriggio. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni si attesta all’1,65%.

Poco mossi i titoli di Stato tedeschi. Il Bund future di giugno 2020 scende a 173,07 punti (-0,08%) ed il Bobl future si attesta a 135,35 punti (-0,04%).

(CC – www.ftaonline.com)

Argomenti: Nessuno

I commenti sono chiusi.