Bond News: Euromacro

di , pubblicato il

Non molte le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.

L’Istat rende noto che nel mese di settembre 2020 si stima una crescita congiunturale per le esportazioni (+2,7%) e una lieve flessione per le importazioni (-0,6%). L’aumento su base mensile dell’export è dovuto al marcato incremento delle vendite verso i mercati extra Ue (+8,1%), mentre quelle verso l’area Ue sono in lieve calo (-2,1%).Nel terzo trimestre 2020, rispetto al precedente, l’export segna un aumento del 30,4%, cui contribuiscono per due terzi i forti incrementi delle vendite di beni strumentali e beni intermedi verso entrambi i principali mercati di sbocco, Ue ed extra Ue. Nello stesso periodo, le importazioni crescono del 21,7%.A settembre 2020 l’export registra una crescita su base annua del 2,1%, dovuta all’aumento delle vendite sia verso l’area extra Ue (+2,8%) sia, in misura minore, verso quella Ue (+1,4%). L’import segna ancora una flessione, sebbene in decisa attenuazione (-6,4%, era -12,6% ad agosto), determinata in particolare dal calo degli acquisti dall’area extra Ue (-12,3%), mentre quello dall’area Ue è molto più contenuto (-1,9%). Tra i settori che contribuiscono maggiormente all’aumento tendenziale dell’export si segnalano mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (+28,7%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+9,9%), articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+8,2%), articoli di abbigliamento, anche in pelle e in pelliccia (+6,4%) e autoveicoli (+5,8%). In forte diminuzione, su base annua, le esportazioni di prodotti petroliferi raffinati (-51,1%). Su base annua, i paesi che contribuiscono in misura più ampia all’incremento dell’export sono Stati Uniti (+11,1%), Svizzera (+15,7%), Germania (+6,0%), Cina (+33,0%) e Polonia (+19,4%). Diminuiscono le vendite verso paesi OPEC (-14,8%), Spagna (-7,2%), paesi ASEAN (-13,3%) e Regno Unito (-3,9%).

Nei primi nove mesi dell’anno, la flessione tendenziale dell’export (-11,6%) è dovuta in particolare alla contrazione delle vendite di macchinari e apparecchi n.c.a. (-15,4%), articoli in pelle, escluso abbigliamento, e simili (-22,1%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (-9,7%) e prodotti petroliferi raffinati (-38,2%). A settembre 2020 si stima che il saldo commerciale aumenti di 3.136 milioni di euro (da +2.686 milioni a settembre 2019 a +5.849 milioni a settembre 2020). Al netto dei prodotti energetici il saldo è pari a +7.583 milioni di euro (era +5.788 milioni a settembre 2019).Nel mese di settembre 2020 i prezzi all’importazione aumentano dello 0,5% rispetto ad agosto 2020 e diminuiscono del 5,3% su base annua (era -5,8% ad agosto).

Aste in Europa:
– Il Tesoro spagnolo ha collocato 1 miliardo di Letras a 3 e 9 mesi. Nel dettaglio, sono stati collocati 435 milioni di Letras a 3 mesi con un rendimento medio che passa dal -0,620% al -0,676%. Collocati inoltre 585 milioni di euro di Letras a 9 mesi con un rendimento in lieve crescita a -0,587% dal -0,589% della precedente operazione sui 9 mesi.
– Questa mattina la Germania ha collocato Schatz con scadenza settembre 2022 (ISIN: DE0001104826) per 4,125 miliardi di euro (oltre a 876 milioni di euro riservati a operazioni di mercato secondario) con un rendimento negativo dello 0,74% superiore allo -0,80% dell’asta precedente. Le richieste sono state pari a 1,4 volte il quantitativo offerto da 2 volte dell’asta precedente.
– Il governo britannico ha collocato stamattina 3,250 mld di sterline di titoli Gilt con scadenza 2024 (Isin GB00BMGR2791), con rendimento medio allo 0,025%. Il bid-to-cover è stato di 2,41 volte. La ‘tail’ si è attestata a 0,2 basis point.

Aumentano i depositi overnight presso la Bce. L’ultima rilevazione giornaliera indica che i depositi di breve delle banche europee presso la Banca centrale europea ammontano a 483,654 miliardi di euro, dai 470,876 miliardi della lettura precedente. Salgono a 127 milioni di euro i prestiti marginali da zero della rilevazione precedente.

Spread BTP/Bund a 116 punti base nel pomeriggio. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni si attesta allo 0,60%.

Titoli di Stato tedeschi in moderato rialzo.

Il Bund future di dicembre 2020 sale a 175,22 punti (+0,17%) ed il Bobl future si attesta a 135,38 punti (+0,06%).

(CC – www.ftaonline.com)

Argomenti: Nessuno