Asia-Pacific contrastata. Nikkei 225 in crescita dello 0,18%

di , pubblicato il

Dopo un avvio d’ottava in deciso recupero per Wall Street (migliore dei tre principali indici newyorkesi il Nasdaq, apprezzatosi lunedì del 2,56%), la tendenza si è fatta contrastata alla riapertura degli scambi in Asia, nonostante i positivi dati sulla bilancia commerciale di Pechino. Al centro del palcoscenico rimangono l’epidemia di coronavirus e i suoi effetti sull’economia: da una parte si continua a sperare in nuovi piani di stimolo Usa, dall’altra la crescita del numero dei contagi su entrambe le sponde dell’Atlantico spaventa gli investitori. E il risultato è un indice Msci Asia-Pacific, Giappone escluso, che si muove intorno alla parità.

Sul fronte valutario il Bloomberg Dollar Spot Index, paniere che monitora la divisa americana nei confronti delle altre dieci principali monete, è in crescita di circa lo 0,20% e il moderato indebolimento dello yen sul biglietto verde contribuisce alla seduta positiva di Tokyo: il Nikkei 225 guadagna infatti lo 0,18% (fa meglio l’indice più ampio Topix, apprezzatosi dello 0,35%). Sul fronte macroeconomico, fiducia delle aziende manifatturiere del Giappone in ulteriore recupero: il Reuters Tankan, indice che anticipa l’omonimo sondaggio trimestrale della Bank of Japan (BoJ), è salito infatti in ottobre a -26 punti da -29 punti di settembre (-33 punti in agosto).

In settembre le esportazioni dalla Cina, calcolate in dollari, hanno registrato un rimbalzo del 9,9% annuo, in accelerazione rispetto al 9,5% di agosto e contro l’incremento del 9,6% del consensus del Wall Street Journal. A meno di un’ora dal termine degli scambi lo Shanghai Composite è in declino di circa lo 0,10% contro rialzi intorno allo 0,30% e allo 0,70% rispettivamente per Shanghai Shenzhen Csi 300 e Shenzhen Composite. Chiusa per l’intera giornata la piazza di Hong Kong a causa dell’allarme-tifone per il passaggio della tempesta tropicale Nangka sull’ex colonia britannica in Cina.

A Seoul il Kospi è in declino di circa lo 0,10% mentre a Sydney l’S&P/ASX 200 segna un apprezzamento dell’1,04% in chiusura.

(RR – www.ftaonline.com)

Argomenti: Nessuno