Asia contrastata. Il Nikkei 225 limita il rialzo allo 0,09%

di , pubblicato il

Dopo una seduta mista ma di generalizzato recupero per Wall Street (migliore dei tre principali indici newyorkesi ancora il Nasdaq, apprezzatosi martedì dell’1,21%), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza contrastata si è consolidata. Attese in giornata le decisioni della Federal Reserve (Fed), che per la prima volta fornirà un outlook fino al 2023. La Fed è previsto che indichi che i tassi Usa rimarranno intorno allo zero fino a inizio 2024. L’indice Msci Asia-Pacific, Giappone escluso, ha toccato un rialzo superiore all’1% in intraday, nella quarta sessione consecutiva in rialzo.

Sul fronte valutario il Bloomberg Dollar Spot Index, paniere che monitora la divisa americana nei confronti delle altre dieci principali monete, è poco mosso ma il parallelo rafforzamento dello yen sul biglietto verde non impedisce alla piazza di Tokyo di chiudere in crescita: alla fine il Nikkei 225 limita però allo 0,09% il suo guadagno (fa meglio l’indice più ampio Topix, apprezzatosi dello 0,21%). Sul fronte macroeconomico, in agosto le esportazioni dal Giappone sono calate del 14,8% annuo, in miglioramento rispetto al crollo del 19,2% di luglio. Il dato si confronta con il ribasso del 15,3% del consensus di FactSet e segna inoltre il ventunesimo mese consecutivo di arretramento per l’export dal Sol Levante.

La World Trade Organization (Wto) ha stabilito martedì che le tariffe commerciali imposte da Washington nel 2018 su oltre 200 miliardi di dollari di merci made in China non sono conformi con gli accordi di scambio globale. A meno di un’ora dal termine degli scambi Shanghai Composite e Shanghai Shenzhen Csi 300 accelerano le perdite e sono in contrazione dello 0,40% e dello 0,70% rispettivamente, contro la flessione superiore all’1% dello Shenzhen Composite. In negativo anche Hong Kong: l’Hang Seng perde infatti circa lo 0,20% (segno opposto per l’Hang Seng China Enterprises Index, sottoindice di riferimento nell’ex colonia britannica, in rialzo invece intorno allo 0,20%).

A Seoul il Kospi è in calo di circa lo 0,20% mentre a Sydney l’S&P/ASX 200 guadagna l’1,04% in chiusura.

(RR – www.ftaonline.com)

Argomenti: Nessuno