Ancora una seduta positiva ieri per il Ftse Mib

di , pubblicato il

Ancora una seduta positiva mercoledì per l’indice Ftse Mib che sale dello 0,87% a 21622,66 punti. Il numero Ancora una seduta positiva mercoledì per l’indice Ftse Mib di giornate che compongono il rialzo partito dal minimo del 30 ottobre è di 14, per una ampiezza, dal minimo del 30 ottobre a 17680 al massimo del 18 novembre a 21659, di 3979 punti, in una situazione molto simile alla attuale, dal minimo del 20 maggio al massimo dell’8 giugno le sedute di rialzo sono state 14 per una ampiezza di 3725 punti. Dopo il picco dell’8 giugno l’indice è andato incontro ad una flessione che ha riportato i prezzi a contatto con la media mobile esponenziale a 50 giorni prima di una nuova ripartenza al rialzo. Il valore dell’indicatore Rsi calcolato a 14 giorni (indicatore che tenta di misurare la forza residua di una tendenza) in corrispondenza del picco dell’8 giugno era di 76/100, massimo dal quale si è poi realizzato un ribasso verso la porzione centrale dell’intervallo di oscillazione disponibile, attualmente il valore dell’Rsi è di 73/100. Per quanto la evidente similitudine tra le due fasi di rialzo citate non comporti necessariamente un risultato analogo, quindi l’inizio di una fase di ripiegamento, è interessante notare che per ritrovare una porzione di rialzo di ampiezza e durata simile a quella attuale è necessario tornare al dicembre del 2016 e che anche in quella occasione, dopo 3645 punti circa di rialzo praticamente ininterrotti (dal minimo del 28 novembre 2016 al massimo del 3 gennaio 2017), l’indice era andato incontro ad un ripiegamento verso la media esponenziale a 50 giorni. Nel gennaio 2017 e a giugno del 2020 l’ultima candela giornaliera della sequenza rialzista è stata caratterizzata dalla presenza di una “shadow” abbastanza marcata verso l’alto, cosa che ancora non si è realizzata nella sequenza attuale, è quindi possibile che il rialzo faccia segnare ancora almeno un nuovo massimo superiore a quello di mercoledì prima di cedere eventualmente il passo ad una flessione.

La media mobile esponenziale a 50 giorni passa attualmente a 19675 punti, supporto che i prezzi potrebbero mettere alla prova in caso di violazione dei 21050 punti. Un possibile punto di arrivo per l’attuale rialzo è in area 21900 punti. La rottura anche di quella resistenza allontanerebbe il rischio di flessioni prospettando invece il raggiungimento diretto di area 23000 prima della realizzazione di ripiegamenti significativi.

(AM)

Argomenti: Nessuno