Anche le utility in rosso a Milano, A2A e Italgas difendono frazionali guadagni

di , pubblicato il

In pesante ripiegamento a Piazza Affari anche le società dei servizi nel primo pomeriggio. L’indice Ftse Italia All Share Utility cede l’1,21% a fronte di un Ftse Italia All Share in calo dell’1,90 per cento. L’azionario globale registra una 24 ore difficile, come visto ieri alla chiusura di Wall Street, stanotte nei mercati asiatici, in queste ore in Europa. Con questo clima pesante non stupisce che soltanto qualche titolo difensivo del comparto utility riesca a difendere un qualche frazionale rialzo, come A2A (+0,03%) e Italgas (+0,14%), anche se, come detto, l’orientamento generale del settore resta fortemente negativo, anche se meno appesantito di quanto non si veda in altri comparti. Basti notare al riguardo il -1,66% di Enel o il -0,98% di Snam. Tra le ex municipalizzate si notano anche Hera (-0,46%), Iren (-0,39%), Acea (-1,64%), Ascopiave (-1,73%) e Acsm-Agam (-0,42%). Perdono quota anche Falck Renewables (-0,55%), Erg (-0,17%) e Alerion (-0,50%).

In Europa, dove l’Euro Stoxx Utilities cede lo 0,89%, non va molto meglio.

A poco serve dunque un ragionamento sulla crescita dello spread di 4 punti o sul rincaro del rendimento del BTP italiano decennale di 2 punti base all’1,12%, è piuttosto questione di sentiment.

(GD – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , , , , , ,