MPS: rivisti accordi con Juliet nell’ottica di maggiore flessibilità per gestione NPL

Ci sarebbero delle novità sul  processo di alleggerimento degli NPL da parte dell'istituto senese, con il relativo Cda che ieri ha deliberato di esercitare il diritto di recesso previsto dal contratto di servicing decennale stipulato con Juliet Spa. 

di , pubblicato il
Ci sarebbero delle novità sul  processo di alleggerimento degli NPL da parte dell'istituto senese, con il relativo Cda che ieri ha deliberato di esercitare il diritto di recesso previsto dal contratto di servicing decennale stipulato con Juliet Spa. 

MPS e una delle più imponenti operazioni di de-risking in europa. Ci sarebbero delle novità sul  processo di alleggerimento degli NPL da parte dell’istituto senese, con il relativo Cda che ieri ha deliberato di esercitare il diritto di recesso previsto dal contratto di servicing decennale stipulato con Juliet Spa.

La decisione comporta, per MPS , l’obbligo  di pagare un  indennizzo per un importo di 40 milioni e.

sarebbe stata presa per venire incontro alla Bce e, quindi, si legge, per disporre della massima flessibilità nel processo di accelerazione della riduzione dell’esposizione della Banca nei crediti deteriorati in coerenza con le indicazioni ricevute dal regolatore in sede di SREP 2019 e già comunicate al mercato. La revisione degli accordi è funzionale anche alla riduzione dell’indice di rischiosità complessivo in un contesto che vede il significativo deterioramento del quadro economico registrato negli ultimi mesi.

La banca si è già dichiarata disposta ad avviare un costruttivo processo negoziale con Juliet e i suoi azionisti, per mitigare le conseguenze dello scioglimento anticipato del contratto di servicing. Il tutto tramite individuazione di un percorso condiviso che consenta alle parti coinvolte di preservare la relazione commerciale, su basi diverse rispetto a quelle attuali, coniugando la necessaria flessibilità della banca nella gestione delle sue Npe (riacquisita a seguito del recesso) con le specifiche competenze sviluppate da Juliet per la riduzione delle Npe. Nell’ambito dell’accordo è previsto il coinvolgimento di Juliet, a termini e condizioni di mercato, quale advisor della Banca nella perimetrazione di uno o più portafogli oggetto di cessione per un ammontare complessivo di euro 3 mld di GBV.

Inoltre, dsato che i costi prospettici del contratto di servicing sono già riflessi nelle rettifiche di valore del portafoglio Npe, il costo dell’indennizzo è integralmente compensato dagli effetti positivi derivanti dal venir meno di tali oneri prospettici.

Argomenti:

I commenti sono chiusi.