“MPS è la mafia del capitalismo”. Grillo spara a zero in assemblea

di , pubblicato il

Beppe Grillo presente all'assemblea MPSShow di Beppe Grillo all’assemblea degli azionisti di MPS, alla quale partecipa in qualità di piccolo socio e delegato da un altro azionista. Al suo ingresso, il leader del Movimento 5 Stelle ha affermato che “questa (la banca) è la mafia del capitalismo, non la Sicilia”, sostenendo che bisognerebbe processare il PD, la Consob, la Banca d’Italia e definendo “comici” i bilanci di Alessandro Profumo.

 

APPROFONDISCI – MPS: al via l’assemblea. Grillo subito all’attacco, assente la Mansi

 

Intanto, in risposta agli azionisti, la banca ha fatto sapere che entro il mese di aprile intende rimborsare 4 miliardi dei 28 miliardi di debiti contratti con la BCE, attraverso le due aste Ltro di fine dicembre 2011 e febbraio 2012. L’esposizione, quindi, è destinata a giorni a scendere a 24 miliardi di euro.

Altra rilevante novità riguarda, poi, il rimborso dei Monti-bond, che la banca ha già previsto in 3 dei 4,07 miliardi di euro entro la fine dell’anno, con ogni probabilità entro luglio, mese in cui si conclude l’aumento di capitale innalzato a 5 miliardi di euro, sebbene oggetto di una nuova assemblea degli azionisti a maggio per l’approvazione. Secondo i vertici, c’è la possibilità che l’istituto rimborsi entro il 2014 anche i restanti 1,07 miliardi, annullando così il debito con il Tesoro.

La stessa banca ha avvertito che la cedola per i Monti-bond lieviterebbe del 3%, stando alle condizioni del prospetto, per le quali il rimborso avviene a tassi legati al prezzo di vendita delle azioni della Fondazione, oggi formalmente presente con il 9% del capitale (33,4% a dicembre), sebbene nei fatti possegga solamente il 2,5%, essendo stato già ceduto il 6,5% ai fondi Fintech Advisory Inc. e BTG Pactual, attraverso un’operazione ancora oggetto di autorizzazione delle authorities.

 

Argomenti: , ,