Monte dei Paschi: l’azionista Tesoro vuole la conferma dei vertici

Il Tesoro punta a confermare l'amministratore delegato di MPS Marco Morelli e il presidente Alessandro Falciai

di , pubblicato il
Il Tesoro punta a confermare l'amministratore delegato di MPS Marco Morelli e il presidente Alessandro Falciai

Dopo il ritorno in borsa del titolo Monte dei Paschi, adesso l’attenzione si sposta a quella che sarà la futura governance della banca toscana. E’ scontato, infatti, che il Tesoro, divenuto il nuovo azionista della banca toscana, punterà a introdurre dei cambiamenti anche nel consiglio di amministrazione non fosse altro a causa dei nuovi rapporti di forza tra le parti che si sono creati.

Tali cambiamenti, comunque, almeno stando ad alcune indiscrezioni di stampa, non dovrebbero riguardare il vertice. Secondo La Repubblica, è molto probabile che entro oggi arrivi la lista del ministero dell’Economia (Mef) in vista dell’assemblea per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Monte dei Paschi di Siena.

Come da statuto, il Tesoro, che di Monte dei Paschi è azionista con una quota del 68%, sarà chiamato a scegliere ben 10 dei 13 consiglieri della banca. Rumors delle ultime settimane aprono la porta alla possibilità che il Mef punti alla riconferma dell’amministratore delegato Marco Morelli e del presidente Alessandro Falciai. Dovrebbero essere confermati anche metà dei consiglieri attuali, specie le donne. Per quello che riguarda invece i tre nomi nuovi, si attendono quelle che saranno le decisioni di Generali che sarà chiamata a scegliere ben tre consiglieri.

Mentre il cammino verso la nuova Monte dei Paschi procede spedito, i vecchi scheletri presentano lentamente il loro conto. In questi giorni, infatti, la commissione di inchiesta sulle banche si sta appunto occupando del caso Monte dei Paschi. Nel corso dell’audizione del direttore generale della Consob Angelo Apponi, sono emersi dettagli sul rapporto tra l’autorità di controllo e le banca toscana. Incalzato dalle domande di deputati e senatori, Apponi ha affermato che negli anni scorsi le tante sanzioni comminate a Monte dei Paschi sono state tantissime nonostante le oggettive difficoltà delle indagini dovute ad un “comportamento doloso dell’intero management della banca che ha fatto di tutto per occultare le attività poste in essere, soprattutto per occultare le perdite”.

Argomenti: , ,