Moncler: i conti del 2018 segnano forte crescita dei ricavi e dell’utile netto, proposto dividendo di 0,4 € per azione

di , pubblicato il
Il 2018 è stato archiviato con ricavi ed utile netto in forte crescita, rispettivamente del 19% e del 33,1% rispetto al 2017.

I risultati dell’esercizio 2018 registrano un giro di affari consolidato di 1,42 miliardi di €, in progresso del 19% a cambi correnti rispetto al 2017 (+22% a cambi costanti) e con una forte accelerazione nell’ultimo trimestre (+20% sia a cambi correnti che costanti). Un risultato che supera le stime di consensus  dell’1,2% e che, precisa  Moncler, è stato realizzato per l’88% all’estero: in particolare, l’incidenza dell’area “Asia e Resto del Mondo” è stata uguale al 43,4% al fatturato del gruppo.

Per quanto riguarda la gestione operativa, l’Ebitda adjusted (al netto di costi non monetari riguardanti i piani di incentivazione azionaria) ha raggiunto i 500,2 milioni (+21,5% a/a), battendo del 2,3% le attese degli analisti (l’incidenza sui ricavi sale leggermente dal 34,5% del 2017 al 35,2% del 2018). La gestione operativa registra inoltre un Ebit di 414,1 milioni (+21,5%), al di sotto del 3,7% rispetto al consensus (con relativa incidenza sul fatturato pari al 29,2%).

L’utile netto sale dai 249,7 milioni del 2017 ai 332,4 milioni del 2018, registrando forte un incremento del 33,1 per cento a/a. Il Consiglio di Amministrazione ha effettuato un proposta di distribuzione di dividendo di o,4 €, contro gli 0,28 € del 2017, per un totale di 100 milioni di € e con un dividend payout ratio del 30% dell’utile netto di gruppo. La data di stacco della cedola sarà il 20 Maggio mentre la data di pagamento il 22 Maggio.

Sul fronte patrimoniale la posizione finanziaria netta registrava un saldo positivo di 450,1 milioni di € contro i 304,9 milioni della fine del 2017 (+47,6% a/a).

Le attività operative hanno prodotto un cash flow di 362 milioni di euro rispetto i 244,3 milioni dell’esercizio 2017 e gli investimenti netti sono incrementati da 72,5 milioni a 91,5 milioni del 2018; è stato precisato che tale aumento è stato causato dall’ampliamento della distribuzione al dettaglio, dall’ampliamento/rilocazione di importanti negozi, dagli investimenti tecnologici e dal polo logistico italiano.

Nel 2019 la società attende ulteriore crescita, da realizzare attraverso lo sviluppo selettivo dei mercati internazionali ed il rafforzamento della sua attività nei mercati core.

Argomenti: