Moncler al test dei mercati dopo il crollo di ieri. Già finita la bolla del lusso?

di , pubblicato il

Moncler al test di Piazza Affari dopo raffica giudizi analistiIl titolo Moncler ha chiuso ieri la seduta a Piazza Affari con un pesante -6,53% a 13,60 euro. La società dei piumini capitalizza così 3,4 miliardi di euro. Il motivo dell’affondo è dato dal giudizio poco entusiasta sulle prospettive del titolo da parte di ben sette analisti, a un mese e mezzo dall’IPO.

Su otto giudizi complessivamente effettuati, cinque prevedono un target price per Moncler inferiore alla quotazione iniziale di ieri del titolo, che si aggirava sui 14,20 euro circa. 

In particolare, Kepler Chrevreux era stato il primo istituto a pronunciarsi la scorsa settimana e ha fissato un target price a 14 euro e rating hold. Solo prospettive di crescita superiori a quelle dei concorrenti potrebbero giustificare un aumento del valore delle azioni Moncler.

JP Morgan ha fissato un target price a 13,50 euro e rating “neutrale”, considerando che la forte crescita attesa per i prossimi esercizi sarebbe stata già scontata dal mercato. Analogo il rating per Goldman Sachs, ma che ha sul titolo un target price a 15 euro.

Elevata la valutazione attuale a Piazza Affari per Hsbc, che ha fissato un target price a 13 euro e un rating “underweight”, cioè ha consigliato di “sottopesare” il titolo.

Per Exane – target price 12,70 euro e rating “underperform” – Moncler farà peggio del mercato e potrebbe non crescere ai tassi attuali di marginalità.

Ubs ha fissato un target price di 12,10 euro e rating “sell”. Secondo l’istituto svizzero, il titolo andrebbe venduto, perché sarebbe valutato a livelli esagerati dal mercato.

Infine, Mediobanca e Bank of America, che hanno indicato target price rispettivamente a 15,45 e 15,85 euro e rating “neutrale”. Ma Piazzetta Cuccia ha avvertito che ai prezzi attuali, il titolo Moncler mostra multipli superiori a quelli dei concorrenti.

 

 

Argomenti: ,