Mediaset verso alleanza con Telefonica in Spagna. Berlusconi punta a Telecom Italia?

Mediaset potrebbe rilevare la quota di maggioranza in Digital +, pay tv spagnola. L'alleanza con Telefonica preluderebbe a un'intesa anche tra Cologno Monzese e Telecom Italia?

di Giuseppe Timpone, pubblicato il

Mediaset punta a Telecom?Dopo avere incassato il successo della vittoria alla gara per l’assegnazione dei diritti per la Champions League per il triennio 2015-2018, sborsando 660 milioni di euro, Mediaset punta adesso ad accrescere la sua quota in Digital +, la pay tv spagnola del gruppo Prisa della famiglia Polanco, che ne possiede il 56%, oltre al 30% di El Pais

Ma due giorni fa, Prisa ha annunciato di essere sceso sotto il 30% del gruppo editoriale e di puntare a una serie di cessioni, tra cui la quota di maggioranza in Digital +. A questo punto, Telefonica e Mediaset, entrambe con il 22% ciascuno, hanno quindici giorni per avanzare un’offerta sul 56%. Scaduto il termine, essi potranno lo stesso avvalersi del diritto di prelazione, nel senso che potranno rilevare la quota, pareggiando l’offerta di un investitore esterno. Non solo. Potranno avvalersi del diritto di veto, previsto dal patto tra i soci, secondo il quale qualsiasi nome inviso potrà essere escluso all’ingresso.

Tra le società che si sarebbero fatte avanti per la pay tv spagnola ci sarebbero Al Jazeera e News Corp. Quest’ultima fa parte dell’impero mediatico del magnate australiano Rupert Murdoch, acerrimo nemico della famiglia Berlusconi in Italia, anche se tra le due casate si sta verificando un avvicinamento basato su reciproci interessi.

Alleanza Telefonica-Mediaset anche in Italia?

La partita spagnola sta diventando estremamente interessante per le ripercussioni che potrebbe avere anche sull’Italia. E non parliamo di pura finanza. Intanto, Mediaset e Telefonica potranno proporre un’offerta per il 56% di Prisa, basandosi su una valutazione autonoma. Se questa dovesse divergere fino a un massimo del 10% da quella autonomamente condotta da Prisa, le parti potranno procedere alla trattativa privata, altrimenti dovranno concordare la scelta di un terzo advisor.

L’alleanza in vista tra Mediaset e Telefonica rilancia le speculazioni su un possibile interesse della famiglia Berlusconi verso Telecom Italia. Infatti, gli spagnoli controllano la compagnia con Telco, la scatola finanziaria al 22,4% del capitale, di cui essi sono soci al 66% e potrebbero presto rilevare fino al 100%, scalzando i soci Mediobanca, Intesa e Generali.

Se l’alleanza Mediaset-Telefonica funzionasse in Spagna, perché non provare anche in Italia? Oltre tutto, si darebbe vita a quella integrazione tra TV e mobile (Telecom è a capo di Tim), che la famiglia Berlusconi perseguiterebbe da anni.

Certo, bisogna fare i conti con i numeri. Se la scalata a Prisa costasse 450 milioni, il debito di Cologno Monzese aumenterebbe a 1,8 miliardi. A questi si sommano i 660 milioni spesi per la Champions. L’onere sarebbe eccessivo, almeno che non spuntasse un socio per le pay tv anche in Italia. E se fosse proprio Telefonica, dando così vita all’alleanza Mediaset-Telecom?

 

Argomenti: Borsa Milano, Mediaset

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.