Mediaset, Poste Italiane e Telecom Italia in profondo rosso: crolla il Ftse Mib

L'aumento dello spread Btp Bund determina un allargamento del passivo del Ftse Mib. Pirelle e Brembo uniche azioni in rialzo

di Enzo Lecci, pubblicato il
L'aumento dello spread Btp Bund determina un allargamento del passivo del Ftse Mib. Pirelle e Brembo uniche azioni in rialzo

Seduta drammatica per il Ftse Mib che, dopo circa un’ora e mezza dall’avvio degli scambi, sta segnando un ribasso dell’1,5%. La ragione principale del nuovo calo del paniere di riferimento di Piazza Affari è da ricercare nell’allargamento dello spread Btp Bund a 313 punti base a seguito della decisione del governo italiano di mantenere i saldi di finanza pubblica entro la misura indicata nel documento di programmazione, con il rapporto Deficit/Pil al 2,4% per il 2019. Questa soglia viene considerata un limite invalicabile da Roma.

Il rosso del Ftse Mib è talmente forte da oscurare qualsiasi tentativo delle singole quotata di portarsi sul verde. A metà mattinata, gli unici titoli a registrare apprezzamenti sono Pirelli che avanza dell’1,5% in attesa dei conti trimestrali in agenda oggi (Trimestrali in uscita oggi 14 novembre: Pirelli e Prysmian in primo piano) e Brembo che sta mettendo in cassaforte lo 0,5%.

Per quello che riguarda le azioni peggiori su Borsa Italiana oggi, segnaliamo Mediaset (-7,9% dopo la pubblicazione della trimestrale (Mediaset a picco dopo la trimestrale: titolo non fa neppure prezzo) e Poste Italiane che sta perdendo il 4,5%. Profondo rosso anche per Telecom Italia che sta perdendo il 3,8%.

Argomenti: Borsa Milano