Magneti Marelli vale 5 miliardi in Borsa? Mercato ragiona su spin off

FCA fa meglio del mercato per quello che riguarda le immatricolazioni nel mese di agosto. Aumenta anche la quota in mano al Lingotto

di , pubblicato il
FCA fa meglio del mercato per quello che riguarda le immatricolazioni nel mese di agosto. Aumenta anche la quota in mano al Lingotto

Fca potrebbe iniziare a mettere mano allo scorporo di Magneti Marelli già nei prossimi mesi. E’ questo ciò che affermano alcune indiscrezioni di stampa che sono apparse sul quotidiano La Repubblica. La stessa fonte ha anche provato a fare i conti relativi a una eventuale quotazione di Marelli. Secondo il quotidiano la valutazione della società attiva nella componentistica sarebbe di circa 5 miliardi di euro.

Le indicazioni su questo ipotizzato ammontare sarebbero circolate nel corso del Salone dell’Auto di Francoforte durante le conversazioni tra gli addetti ai lavori e i soggetti interessati al dossier.

L’ipotizzata valutazione di Magneti Marelli rappresenta comunque una attestazione di stima del mercato nei confronti di Fca. Del resto “i banchieri che in queste settimane hanno incontrato gli uomini del Lingotto spiegano che le aspettative sul valore della società sono nella parte alta della forchetta indicata da Sergio Marchionne un anno fa, quando l’ipotesi era quella di vendere Marelli ai sudcoreani”.

Le indiscrezioni sul dossier Magneti Marelli, unite ai dati sulle immatricolazioni in Europa nel mese di agosto che hanno visto Fca aumentare del 9,8% le sue vendite, potrebbero spingere il Lingotto ad aprire la seduta in positivo.

Per quello che riguarda le immatricolazioni, infatti, Fca ha ha chiuso il mese passato con quasi 52.700 auto immatricolate, mostrando una crescita del 9,8% dopo il +1,4 per cento ottenuto in luglio. La quota di mercato del Lingotto è stata del 5,8% con un aumento dello 0,2%. Nei primi otto mesi dell’anno le immatricolazioni di Fiat Chrysler Automobiles sono state oltre 741.300, il 9,5% in più rispetto ai primi otto mesi del 2016. Per finire, la quota del Lingotto nei primi otto mesi si è attestata al 7% in crescita dello 0,3%.

Argomenti: , , ,