Isagro: i conti del 2018 evidenziano crescita su tutti gli aggregati economici.

Isagro chiude il 2018 con Ebitda, Ebit ed utile netto in aumento rispettivamente dell'11,7%, del 54,9% e del 70,4%

di , pubblicato il
Isagro chiude il 2018 con Ebitda, Ebit ed utile netto in aumento rispettivamente dell'11,7%, del 54,9% e del 70,4%

Ieri, 13/03/2019, il Consiglio di Amministrazione di Isagro ha approvato il  progetto di bilancio del 31 Dicemnbre 2018.

Nell’anno sotto esame, la società operante nel settore chimico ha registrato un fatturato in aumento del 2,1% a 152,8 milioni rispetto ai 149,6 milioni del 2017; a parità di tassi di cambio il fatturato avrebbe toccato quota 159,8 milioni (+7% rispetto al 2017). Tale andamento è connesso principalmente a maggiori ricavi da accordi di medio/lungo termine (+6 milioni rispetto al 2017), che hanno più che bilanciato le minori vendite da Agrofarmaci e Servizi (-2,8 milioni rispetto al 2017).

Il sentiero di crescita dei ricavi si amplifica a livello di risultati operativi, con l’Ebitda in progresso dell’11,7% dai 12,6 milioni del 2017 ai 14 milioni dell’esercizio appena chiuso (con la relativa incidenza sui ricavi che aumenta dall’8,4% ai 9,2 punti percentuali), nonostante il calo di redditività delle vendite della controllata indiana Isagro Asia Agrochemicals Private Limited e i maggiori costi di ricerca e sviluppo di prodotti innovativi. A parità di tassi di cambio, l’Ebitda sarebbe salito a quota 16,8 milioni (+33% rispetto al 2017).

Dopo aver contabilizzato ammortamenti e svalutazioni, in calo di poco più dell’1% da 9,7 milioni a 9,6 milioni, l’Ebit sale di oltre il 54% a 4,4 milioni (vs 2,9 milioni di fine 2017).

Il risultato economico rileva infine con un utile netto di 363 mila euro, che registra un progresso del 70,4% rispetto ai 213 mila € del 2017.

Per quanto riguarda la situazione patrimoniale, l’indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2018 si è attestato a 45,1 milioni, in diminuzione di circa 1,1 milioni rispetto a fine anno 2017. Il cash flow positivo generato durante l’anno è riconducibile alla diminuzione del fabbisogno finanziario dato dal capitale circolante commerciale netto (-0,3 milioni) e alla generazione del flusso di cassa gestionale (+0,8 milioni).

Outlook

Nel medio termine, il management afferma il target di voler raggiungere l’obiettivo di fatturato intorno ai 200 milioni, crescendo sia per linee interne che per linee esterne e cogliendo precise opportunità di acquisizione.  Si ricorda che a partire dal 2021 è previsto un contributo incrementale su fatturato e margini da parte del nuovo fungicida Fluindapyr, con impatti anche negli anni successivi.

La strategia di Isagro continuerà ad essere concentrata sulle attività di scoperta di nuovi prodotti e molecole, rafforzando l’impegno organizzativo e finanziario nello sviluppo della propria posizione nel settore delle Biosolutions. Alla luce dei cambiamenti a livello di sistema regolatorio e competitivo, non svilupperà più prodotti di origine chimica organica, i cui diritti di sviluppo e sfruttamento commerciale verranno ceduti a terzi.

Argomenti: ,