IPO Pirelli: forchetta prezzo collocamento nuove azioni e opzione greenshoe

di , pubblicato il
Minimo il 10% del pacchetto azionario che verrà collocato sul mercato sarà destinato al

Nuovo in avanti in vista della (ri) quotazione di Pirelli in Borsa. Pirelli & C. e Marco Polo International Italy hanno infatti reso noto di aver individuato l’intervallo di valorizzazione indicativo del prezzo dell’offerta globale di vendita finalizzata alla quotazione delle azioni Pirelli. La forchetta di prezzo indicata è ovviamente subordinata al rilascio da parte della Consob dell’autorizzazione alla pubblicazione del prospetto informativo.

In base alle decisioni dell’emittente, la forchetta di prezzo relativa all’Ipo Pirelli è compresa tra un minimo non vincolante di 6,3 euro e un massimo vincolante pari a 8,3 euro per azione. Questi valori per azione corrispondono ad un intervallo di valorizzazione della società che è compreso tra 6,3 e 8,3 miliardi di euro.

Nell’ambito dell’offerta pubblica è previsto un lotto minimo di adesione pari a 500 azioni e un lotto minimo di adesione maggiorato pari a 5.000 azioni; il valore del lotto minimo è compreso tra i 3.150 euro e i 4.150 euro.
Come noto, l’Ipo di Pirelli riguarderà fino 350 milioni di azioni ordinarie, corrispondenti al 35% del capitale della società. In base alle prime indicazioni fornite dalla stessa Pirelli, almeno il 10% del pacchetto azionario che verrà collocato sul mercato sarà destinato al “pubblico indistinto in Italia”. Una quota massima del 90% (parte restante) sarà invece destinata al collocamento istituzionale. Pirelli ha già fatto sapere che per quello che riguarda il collocamento istituzionale è prevista la concessione di un’opzione greenshoe a favore dei Joint Global Coordinators. L’opzione è pari a circa il 14,3% dell’offerta.

Le decisioni di oggi sull’intervallo di valorizzazioni di Pirelli confermano la convinzione del mercato che l’operazione sia imminente (IPO Pirelli sarà da record? Tempi brevissimi per (ri) quotazione in Borsa).

Argomenti: , ,