IPO Fineco: i vantaggi di Unicredit e le ultime indiscrezioni

La quotazione di Fineco dovrebbe avvenire a cavallo tra giugno e luglio

di Enzo Lecci, pubblicato il

IPO finecoL’IPO di Fineco, la banca online interamente controllata da Unicredit, dovrebbe realizzarsi e chiudersi prima dell’estate. Se così davvero fosse, la quotazione di Fineco a Piazza Affari sarebbe possibile a cavallo tra i mesi di giugno e luglio. Ad essere oggetto dell’IPO sarebbe una quota compresa tra il 30% e il 40% del capitale di Fineco.

Ma quali sono i vantaggi che Unicredit otterrebbe della quotazione di Fineco?Secondo quanto dichiarato dal numero uno Ghizzoni, Unicredit si attende di ottenere un impatto positivo di 30 bps sul Core Tier 1 dalla cessione di una partecipazione di minoranza in Fineco e da una partnership per UCCMB (il termine per le offerte non vincolanti scade il 3 aprile).

Molto positivi i numeri di Fineco. La società, infatti, vanta 31 miliardi di euro di masse amministrate e 19 miliardi di euro di masse gestite. Secondo alcuni analisti “la società potrebbe valere 1,9-2,1 miliardi di euro e quindi la vendita di un 30%/40% potrebbe permettere a Unicredit di liberare capitale per 10-15 punti base a livello di Core Tier 1”.

Unicredit a Piazza Affari sta segnando una progressione dello 0,98%, il doppio rispetto al verde messo in cassaforte dall’Ftse Mib.

 

 

Argomenti: Borsa Milano, FinecoBank, IPO, Unicredit