Intesa SP: accordo con BEI da 1 miliardo a sostegno di MID cap e “circular economy”

Intesa Sanpaolo e Banca Europea degli Investimenti (BEI) si ritrovano nuovamente in partnership raggiungendo un accordo da 1 miliardo a favore di mid cap e PMI italiane, con attenzione primaria agli investimenti in "circular economy"; l'accordo è stato firmato dal presidente di Intesa Gian Maria Gros-Pietro e dal vice presidente della Bei Dario Scannapieco.

di , pubblicato il
Intesa Sanpaolo e Banca Europea degli Investimenti (BEI) si ritrovano nuovamente in partnership raggiungendo un accordo da 1 miliardo a favore di mid cap e PMI italiane, con attenzione primaria agli investimenti in

Intesa Sanpaolo e Banca Europea degli Investimenti (BEI) si ritrovano nuovamente in partnership raggiungendo un accordo da 1 miliardo a favore di mid cap e PMI italiane, con attenzione primaria agli investimenti in “circular economy”; l’accordo è stato firmato dal presidente di Intesa Gian Maria Gros-Pietro e dal vice presidente della Bei Dario Scannapieco.

Nell’accordo rientrano due linee di credito dal valore totale di 500 milioni, a cui va aggiunta la quota di pari importo messa a disposizione da Intesa Sanpaolo per arrivare alla cifra complessiva di 1 miliardo.

Il primo finanziamento di 250 milioni di euro è messo a disposizione da BEI a sostegno delle imprese Midcap (cioè che a livello consolidato contano tra i 250 e i 3 mila dipendenti). I fondi verranno messi a disposizione tramite l’intermediazione di Mediocredito Italiano, la controllata di Intesa Sanpaolo specializzata nel sostegno allo sviluppo delle imprese. I prestiti verranno erogati sia per nuovi progetti  che per quelli in corso, per importi non superiori ai 50 milioni di euro e con durata massima di 12 anni. Gli interventi sono destinati ad aziende attive in tutti i settori produttivi: agricoltura, artigianato, industria, commercio, turismo e servizi; sono esclusi dall’ambito dell’accordo i progetti di puro investimento finanziario e/o immobiliare. Mediocredito Italiano si impegna a fornire prestiti in misura tale da portare il totale delle risorse disponili per le Midcap a 500 milioni di euro e impegnandosi a far usufruire, alle imprese destinatarie dei finanziamenti, delle condizioni di favore del funding BEI.

La seconda linea di credito da 500 milioni risulta nuova nel mercato italiano: un Framework Loan per finanziamenti nell’ambito della circular economy dedicato a PMI e Midcap innovative operanti nel manifatturiero, nell’agricoltura, nel settore energetico e nella gestione dei rifiuti (si tratta dell’operazione, dedicata all’economia circolare, di maggior valore realizzata in Europa ). Anche in tal caso  Mediocredito Italiano raddoppierà il plafond di 250 milioni della BEI con altri 250 milioni di euro, a valere sul Plafond Circular Economy da 5 miliardi di euro previsto dal Piano di Impresa 2018-2021 del Gruppo.

I prestiti prevedono una durata massima di 12 anni e potranno essere utilizzati per finanziare progetti inferiori ai 50 milioni di euro, coprendo fino al 50% dei costi complessivi.

Argomenti:

I commenti sono chiusi.