Intel: nel Q1 leggera flessione dei conti, più o meno in linea le stime

di , pubblicato il
Il primo trimestre del 2019 per Intel è stato archiviato con conti in lieve flessione, più o meno in linea con le stime.

Intel ha archiviato il primo trimestre del 2019 con un fatturato di 16,06 miliardi , sostanzialmente in linea con i 16,07 miliardi del precedente periodo del 2018 e con le stime degli analisti che attendevano un valore di 16,03 miliarsi; nello specifico i ricavi della divisione PC-centric hanno registrato un aumento del 4%, mentre quelli della divisione data-centric sono calati del 5%.

L’utile netto del periodo in questione si è attestato a 3,97 miliardi, in calo di quasi l’11% se confrontato ai 4,45 miliardi del primo trimestre del 2018; l’EPS è quindi sceso da 0,93 dollari a 0,87 dollari (in linea con la stima di 0,87 dollari degli analisti). Al netto di componenti straordinario l’utile per azione si sarebbe attestato a 0,89 dollari.

Per il trimestre in corso il board di intel attende ricavi per 15,6 miliardi di dollari ed un utile netto adjusted di 0,89 dollari; gli analisti stimano invece 16,86 miliardi di fatturato ed un EPS di 1,01 dollari. Per l’intero 2019 invece stima un giro d’affari di 69 miliardi (si ricorda che ad inizio anno la “previsione” dei ricavi annuali era di 71,5 miliardi di $) con un utile unitario di circa 4,35 dollari; gli analisti attendono invece valori superiori.

 

 

 

Argomenti: