'Immsi: nel 2018 crescita di tutti gli aggregati economici - InvestireOggi.it

Immsi: nel 2018 crescita di tutti gli aggregati economici

di , pubblicato il
Il Cda di Immsi S.p.A., holding cui fanno capo più di 40 società operative nei settori immobiliare, industriale e navale ha approvato i risultati dell'esercizio 2018.

Il Cda di Immsi S.p.A., holding cui fanno capo più di 40 società operative nei settori immobiliare, industriale e navale ha approvato i risultati dell’esercizio 2018.

Risultato economico

La società ha chiuso il 2018 contabilizzando un fatturato consolidato pari a 1.464,5 milioni, con un lieve aumento dello 0,7% rispetto ai 1.444,9 milioni del 2017; a cambi costanti l’incremento sarebbe stato invece pari al 5 per cento. Guardando la dinamica del business per settori si rileva che: nel settore industriale i ricavi netti consolidati del Gruppo Piaggio si sono attestati a 1.389,5 milioni di euro, in aumento del 4,3% (+8,2% a cambi costanti); nel settore navale Intermarine S.p.A. ha registrato ricavi consolidati per 69,8 milioni di euro; nel  settore Immobiliare e Holding sono stati realizzati ricavi netti pari a 5,2 milioni di euro, in crescita del 9% (4,8 milioni di euro nel 2017).

A livello di gestione operativa, l’Ebitda è progredito dell’1,8% a 213,3 milioni (209,6 milioni nel 2017), con un peso sul fatturato del 14,6% (+20 basis point). Dopo aver spesato ammortamenti di beni materiali ed immateriali per un importo complessivo di 112,7 milioni (123,2 milioni nel 2017, -8,5% a/a) l’Ebit segna un aumento del 16,4% a 100,6 milioni, con un ros cresciuto al 6,9% (+100 punti base).

Il periodo si è chiuso infine con un utile netto di competenza dei soci di 12,9 milioni, in aumento del 57,1% rispetto agli 8,2 milioni dell’anno precedente.

Situazione patrimoniale e finanziaria

Dal lato patrimoniale, il patrimonio netto del Gruppo al 31 dicembre 2018 ammonta a 379,4 milioni di euro (370,7 milioni di euro al 31 dicembre 2017).

L’indebitamento finanziario netto è diminuito leggermente a 852 milioni rispetto agli 858,9 milioni rilevati a fine 2017,  in particolare grazie alla riduzione del debito del settore industriale. La componente a breve dell’indebitamento finanziario risulta invece in crescita rispetto a quanto rilevato a fine 2017, a causa della riclassifica del debito bancario di Immsi S.

p.A. su controllo di parametri finanziari contrattualmente previsti.

Nel 2018 il Gruppo Immsi ha inoltre effettuato investimenti per 117,8 milioni di euro, in aumento di 30 milioni di euro,  segnando un +34,2% rispetto agli 87,8 milioni di euro investiti nel 2017.

Attese

In merito al Settore Industriale (Gruppo Piaggio), nell’ambito del rafforzamento del gruppo Piaggio sui mercati globali, il gruppo si impegna a: consolidare la posizione di leadership nel mercato europeo delle due ruote, sfruttando al meglio la ripresa prevista tramite un ulteriore rafforzamento della gamma prodotti sia scooter che moto;  mantenere le attuali posizioni sul mercato europeo dei veicoli commerciali, rafforzando la rete di vendita; consolidare la presenza nell’area Asia Pacific, valutando nuove opportunità nei paesi dell’area, sempre con particolare attenzione al segmento premium del mercato; rafforzare le vendite nel mercato indiano dello scooter grazie all’offerta di prodotti Vespa ed Aprilia; incrementare la penetrazione dei veicoli commerciali in India, grazie anche all’introduzione di nuove motorizzazioni.

In linea più generale resta infine fermo l’impegno – che ha caratterizzato questi ultimi anni e che caratterizzerà anche le attività nel 2019 – di generare una crescita della produttività con una forte attenzione all’efficienza dei costi e degli investimenti, nel rispetto dei principi etici fatti propri dal Gruppo.

In merito al Settore Navale (Intermarine S.p.A.), nel 2019 si svilupperanno in modo significativo gli avanzamenti di produzione connessi alle commesse acquisite, con lo scopo di consolidare il rafforzamento patrimoniale in atto negli ultimi esercizi. Inoltre la società sta attuando diverse trattative, in particolar modo nel settore Difesa, volte ad acquisire ulteriori commesse che permetterebbero di aumentare il portafoglio ordini acquisiti e di conseguenza garantire alla società condizioni che permettano di ottimizzare la capacità produttiva per i prossimi anni.

Per quanto riguarda il Settore Immobiliare e Holding, con particolare riferimento alla controllata Is Molas S.p.A., si evidenzia che nel corso del 2019 è attesa l’ultimazione del secondo stralcio di opere di urbanizzazione, l’avvio del terzo stralcio delle stesse e la progettazione relativa alle opere idriche di due laghi, nonché la verifica del riscontro del mercato attraverso la sottoscrizione dei primi preliminari di vendita che daranno impulso alla realizzazione del progetto Is Molas.

 

Argomenti: