Immatricolazioni Fiat in calo in Europa: pesa il mercato auto italiano

Tornano a crescere le immatricolazioni auto in Europa e Fiat riesce ad incrementare la sua quota di mercato. Il Lingotto ringrazie le sue utilitarie

di , pubblicato il

Risultato in chiaroscuro per le immatricolazioni auto di Fiat in Europa. La multinazionale di Torino, nel mese di aprile, ha venduto 68.181 nuove auto, in calo del 9,8% rispetto al 2012. In questo quadro, leggermente meglio è andata al solo marchio Fiat che ha immatricolato 52.473 vetture, in calo del 4% rispetto al 2012. Nel mese di marzo le vendite di Fiat su base annua erano scese dell’1,2%.

Nonostante la flessione fatta registrare dalle immatricolazioni, Fiat ha comunquen migliorato la propria quota di mercato di 0,3 punti percentuali rispetto a marzo 2013.

La presenza di Fiat Group Auto nei 27 Paesi dell’Europa oltre che nelle nazioni appartenenti all’EFTA si attesta al 6,3% grazie alle ottime performance registrate nel Regno Unito (vendite +10,3%) e Spagna (immatricolazioni +11,5% con quota in aumento al 3,8%). Il marchio Fiat nel mese di aprile ha incrementato di oltre 52 mila  unità le immatricolazioni e, considerando il primo quadrimestre 2013, il marchio ha immatricolato più di 206 mila auto incrementando dello 0,2% (ora al 4,9%) la quota di mercato rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. A trainare le vendite brand ma anche del gruppo le utilitarie a marchio Fiat. La nuova Fiat Panda  ha incrementato le immatricolazioni del 63,9 per cento rispetto ad aprile 2012 strappando una quota di mercato nel segmento pari al 12,5 per cento,  mentre 500 ha aumentato del 19,5 per cento le sue vendite portandole a  15 mila nel mese. I due modelli si attestano ai vertici del segmento rispettivamente in prima e seconda posizione nella classifica di vendita. La nuova 500L registra oltre 23mila immatricolazioni nel quadrimestre attestandosi al secondo posto (15,9% market share) nel segmento delle monovolume compatte. Riguardo gli altri marchi cresce Lancia/Chrysler grazie al balzo delle immatricolazioni della nuova Ypsilon (+17,7% a/a) mentre Jeep conferma la sua quota di mercato. In aprile le immatricolazioni di Alfa Romeo sono state quasi 5.900 per una quota dello 0,5  per cento mentre Ferrari e Maserati hanno immatricolato complessivamente 485 vetture.

La flessione fatta registrare da Fiat nel mese di aprile è da imputare soprattutto alla debolezza del mercato italiano. Nel comunicato stampa del Lingotto, infatti, si afferma che: Fiat “continua ad essere pesantemente penalizzata dal risultato negativo del mercato italiano”.

 

Argomenti: ,