Ima: utile netto primo semestre cala a 38,1 milioni di euro

di , pubblicato il
Risultato netto in calo del 8,6% per Ima nel primo semestre, Ma i numeri di fatturato ed ebitda sono incoraggianti. Prosegue il rafforzamento industriale

Ima chiude il primo semestre con un utile netto di 38,1 milioni euro, in calo rispetto ai 41,7 milioni registrati nello stesso periodo del 2016 (-8,6% a/a). I ricavi, spiega una nota, sono di 654,6 milioni (+14,4% a/a), l’Ebitda ante oneri ricorrenti e’ di 89,9 milioni (+35,4% a/a), l’Ebitda e’ di 82,2 milioni (+31,1% a/a), l’Ebit di 62,7 milioni (+40% a/a), l’utile prima delle imposte di 57,1 milioni (-4,2% a/a). La posizione finanziaria netta e’ di -221,8 milioni (-188,9 milioni al 30/6/16).

 

Per il 2017 la societa’ punta a ricavi superiori a 1,4 miliardi e a un Ebitda superiore ai 205 milioni. “I risultati del primo semestre evidenziano una crescita dei ricavi, dei margini e dell’utile operativo. La buona acquisizione ordini, unitamente a numerose trattative in fase di finalizzazione in tutte le aree di business, ci permette di guardare con fiducia all’andamento del gruppo nei prossimi mesi. Le società Ima Mai e Mapster rafforzano l’offerta di Ima nei settori tea, coffee and beverage, mentre la recente acquisizione di Eurosicma consente di ampliare la presenza del gruppo nel settore del confezionamento in flowpack e fold per l’industria alimentare, cosmetica e farmaceutica. Con queste operazioni, Ima continua il percorso di valorizzazione di marchi leader di mercato, con buone prospettive di crescita. Oltre al rafforzamento delle nostre posizioni nelle principali aree di sviluppo del mondo continueremo ad investire nella ricerca e innovazione, che è alla base del forte posizionamento competitivo del gruppo, con una focalizzazione sul programma Ima Digital“, commenta il presidente e a.d. Albetto Vacchi.

Argomenti: