IMA: forte aumento degli Utili (+58%) nei 9 mesi del 2019 ma la gestione operativa scende

I conti del gruppo IMA, nei primi nove mesi del 2019, risultano in chiaro scuro. Da una parte si assiste al lieve aumento dei ricavi (+1,5%) e alla forte crescita degli utili (+58%) ma dall'altra Ebitda adj. ed Ebit calano (rispettivamente a -8,1% e -34,8%).

di , pubblicato il
I conti del gruppo IMA, nei primi nove mesi del 2019, risultano in chiaro scuro. Da una parte si assiste al lieve aumento dei ricavi (+1,5%) e alla forte crescita degli utili (+58%) ma dall'altra Ebitda adj. ed Ebit calano (rispettivamente a -8,1% e -34,8%).

I conti del gruppo IMA, nei primi nove mesi del 2019, risultano in chiaro scuro. Da una parte si assiste al lieve aumento dei ricavi (+1,5%) e alla forte crescita degli utili (+58%) ma dall’altra Ebitda adj. ed Ebit calano (rispettivamente a -8,1% e -34,8%).

Conto economico primi nove mesi 2019

Il Gruppo IMA ha chiuso i primi nove mesi del 2019 con ricavi consolidati a 1.008,3 milioni di euro, pari ad una crescita dell’1,5% rispetto ai 993,8 milioni dello stesso periodo di un anno fa.

Il margine operativo lordo (EBITDA) ante oneri non ricorrenti è risultato pari a
133,2 milioni di euro (145 milioni al 30 settembre 2018),

L’Ebitda si attesta a 126,2 milioni, in diminuzione del 10,7% rispetto ai 141,3 milioni dell’analogo periodo del 2018. Escludendo dal computo gli oneri non ricorrenti l’Ebitda si attesta a 133,2 milioni, registrando una contrazione dell’8,1% se confrontato ai 145 milioni del 30 settembre 2018.

Sulla stessa scia, ma con più forza, L’Ebit scivola del 34,8% da 110,3 milioni a 71,9 milioni.

Il periodo si chiude con un utile netto di competenza dei soci della controllante pari a 88 milioni, in crescita di ben il 58% rispetto ai 55,7 milioni dello stesso periodo dello scorso anno.

Situazione patrimoniale e finanziaria

A fine settembre 2019 l’indebitamento finanziario netto del Gruppo IMA è  pari a 769,3 milioni (in forte aumento rispetto ai 358,3 milioni al 30 settembre 2018), al netto dell’esborso per acquisizione partecipazioni pari a 281,6 milioni di euro. Tale dato risulta in aumento di 152,6 milioni di euro per effetto dell’applicazione del nuovo principio contabile IFRS 16.

Outlook

Ipotizzando la stabilità delle condizioni attuali la società, per il 2019 attende:

  • ricavi>1,6 miliardi
  • Ebitda a circa 290 milioni (includendo l’effetto dell’IFRS 16)
  • un significativo incremento dell’utile netto rispetto all’esercizio 2018.

Nell’ultimo trimestre, inoltre, la posizione finanziaria netta è attesa migliorare sensibilmente.

 

 

Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.