I rating di Morgan Stanley su dieci titoli dell’auto

Nel lungo periodo il mercato auto europeo è destinato a subire un declino strutturale: ecco l'analisi di MS

di Enzo Lecci, pubblicato il

settore autoProponiamo ai nostri lettori questo lungo report degli analisti di Morgan Stanley dedicato al comparto auto. Il filo conduttore dell’analisti degli esperti Usa è rappresentato da quello che sono le prospettive del settore nel suo complesso. Morgan Stanley, infatti, si è chiesta: il settore auto ha già toccato il suo punto minimo? A doppia faccia la risposta. Secondo MS se nel breve termine le prospettive possono subire un miglioramento, il destino del mercato auto nel lungo termine sembra essere inevitabilmente segnato. Non a caso, nella loro nota, gli analisti Usa hanno fatto riferimento a un “declino strutturale”.

Tra i titoli esaminati da MS ci sono le italiane: Fiat, Fiat Industrial e Pirelli. 

 

1) Bmw. Gli specialisti della banca d’affari americana hanno un giudizio neutrale (equalweight, cioè peso in linea con il mercato) sulla casa automobilistica tedesca, che da inizio anno ha accusato sul listino di Francoforte una performance negativa (-1%). Il prezzo obiettivo di 79 euro implica un potenziale di rialzo del 9%, mentre il p/e (prezzo/utili) è stimato 9,2 quest’anno e 8,6 nel 2014.

 

2) Psa Giudizio neutrale (equalweight) per la casa automobilistica francese, che da gennaio è salita sul listini di Parigi del 26%. Il prezzo obiettivo è stato incrementato da 5 a 8 euro, con un margine dalle quotazioni attuali del 16%. Il p/e è negativo nel 2013 (-2) per posizionarsi a 11,7 nel 2014.

 

3) Fiat Industrial. Il parere degli analisti è positivo (overweight, cioè sovrappesare) per il titolo che da fine 2012 ha guadagnato il 7% e negli ultimi 12 mesi il 16%. Il target price di 10 euro implica un potenziale di crescita del 13%, mentre il p/e è 9,8 quest’anno e 8,6 nel prossimo.

 

4) Michelin Rating neutrale (equalweight) per il produttore francese di pneumatici, che ha un prezzo obiettivo di 79 euro, il 15% in più delle quotazioni recenti. Il titolo, che da gennaio ha accusato una performance negativa (-4%), presenta un p/e di 7,7 nel 2013 e 7 nel prossimo anno.

 

5) Fiat Auto Gli analisti di Morgan Stanley temono che Fiat possa deludere nuovamente le aspettative del mercato. Il rating è quindi underweight (sottopesare) con prezzo obiettivo 5 euro, del 14% inferiore alle quotazioni recenti. Da inizio anno il titolo è salito a piazza Affari del 53% e negli ultimi 12 mesi del 61%, a fronte di un p/e che scende da 13,5 nel 2013 al 4,8 nel 2014.

 

6) Volkswagen Per il titolo tedesco è stato confermato il rating overweight (sovrappesare), con prezzo obiettivo 190 euro, che lascia spazio a un rialzo del 13%. Il titolo, che è sceso del 2% da inizio anno, ma è salito del 36% negli ultimi 12 mesi, ha un p/e 2013 di 8,3 che scende a 7,1 nel 2014.

 

7) Renault. Il gruppo francese, che da fine 2012 è salito in borsa del 48%, merita il rating overweight (sovrappesare). Il target price è 70 euro (+16% dalle quotazioni attuali), mentre il p/e scende da 6,3 nel 2013 a 5,1 nel 2014.

 

8) Daimler Il titolo, che è cresciuto dal dicembre 2012 del 18% e negli ultimi 12 mesi del 39%, merita il rating neutrale (equalweight), perché ai prezzi attuali è correttamente valutato. Il target di 46 euro è infatti inferiore del 6%. Il p/e è stimato 12,2 nel 2013 e 9,7 nel 2014.

 

9) Pirelli Il gruppo italiano, che è salito del 15% negli ultimi 12 mesi e del 6% da inizio anno, è stato assegnato il prezzo obiettivo di 11 euro, che è del 20% superiore alle quotazioni attuali. Il p/e scende da 10,3 nel 2013 a 8,5 nel 2014. Il rating è overweight (sovrappesare).

 

10) Porsche Anche al produttore tedesco di auto di lusso è stato assegnato il rating overweight (sovrappesare), visto che ha un potenziale di rialzo del 19% rispetto a un prezzo obiettivo di 75 euro. Il titolo, che è salito del 52% negli ultimi 12 mesi e del 2% da inizio 2013, ha un p/e di 4,8 quest’anno che scende a 4,1 nel prossimo.

Argomenti: Borsa Milano, Borse europee, col_Rullo, Ratings e Targets