Gruppo Green Power: piano di riorganizzazione aziendale

Precisazione da parte del Gruppo Green Power dopo le indiscrezioni di stampa sul piano di riorganizzazione aziendale

di , pubblicato il

Il Gruppo Green Power (GGP), in merito alle indiscrezioni uscite sui media locali, precisa che il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato esclusivamente un progetto di riorganizzazione della struttura aziendale finalizzato all’aumento della propria competitività in ottica di ulteriore crescita e di consolidamento della posizione di leadership nel settore. La Società precisa quindi che alcune informazioni riportate dagli organi di stampa circa il trasferimento della sede a Milano o addirittura della cessazione dell’attività risultano assolutamente prive di ogni fondamento.

GGP ha sempre e solo lavorato nell’ottica dell’aumento della creazione di valore per i suoi azionisti e lo ha sempre dimostrato continuando ad operare in questi anni ai massimi livelli pur davanti ad una crisi generalizzata di settore che ha coinvolto molti dei competitor presenti sul mercato. La riorganizzazione della propria struttura, finalizzata a ottimizzare i costi fissi, ha infatti lo scopo di sviluppare il suo core business in condizioni che permettano alla società di affrontare in assoluta sicurezza, e con una logica di sempre maggiore stabilità, le oscillazioni dell’andamento del mercato. Proprio nell’ottica di consolidamento di GGP vanno considerate sia l’operazione di settembre, effettuata tramite la controllata Unix, per l’assunzione di 9 dipendenti e 12 nuovi collaboratori, sia la costituzione del Consorzio GGP, filiera che comprende 18 aziende tra fornitori e installatori, che conta circa 300 dipendenti per un fatturato di 80 milioni. Pur sinceramente dispiaciuti per la necessaria riduzione dei posti di lavoro che la riorganizzazione comporta, GGP farà tutto il possibile, collaborando con i dipendenti e le associazioni sindacali, per trovare delle soluzioni che rendano questo processo il più condiviso e più veloce possibile.

Argomenti: