Good banks: chi le comprerà? Si avvicina la scadenza per la cessione ma tutto tace

di , pubblicato il
Nonostante tante indiscrezioni non sembrano esserci piste concrete per la cessione delle good banks e intanto il tempo stringe

Il prossimo 30 settembre è la data ultima per la cessione delle quattro good banks ossia Banca Marche, Banca Etruria, Cassa di Risparmio di Chieti e Cassa di Risparmio di Ferrara. Allo stato attuale dei fatti, al di là delle tante indiscrezioni che sono circolate su possibili soggetti interessati all’acquisizione, non sembrano esserci piste concrete. Si è infatti molto parlato di un interesse da parte della Banca Popolare dell’Emilia Romagna per Banca Etruria e da parte di Ubi Banca per Banca Marche ma le voci a riguardo sono sempre rimaste tali.

Da un certo punto di vista, la vicenda ha poi assunto anche un tono quasi misterioso. Spesso, infatti, sono circolati rumors molto contraddittori tra loro a dimostrazione dell’inesistenza di una posta privilegiata. Giusto per aprire una parentesi si era parlato prima della possibilità di cedere solo il pacchetto delle quattro banche per poi fare riferimento ad un inevitabile spezzatino.

Voci così discordati sembrano prospettare un inevitabile rinvio della cessione delle good banks. Sono molti osservatori, infatti, è impensabile che l’operazione possa concludersi tra quattro giorni. La data di scadenza fissata per il 30 settembre, quindi, sarà rinviata a causa della complessità delle operazioni allo studio.

 

Argomenti: